LE DOMENICHE DI "ELEONORA…": LE INIZIATIVE CULTURALI DEL CIRCOLO SARDO "… D'ARBOREA" DI PESARO


di Luigi Lilliu

L’Associazione Culturale Sarda “Eleonora d’Arborea” di Pesaro ha impegnato tre domeniche di seguito in altrettante distinte iniziative sociali.

La domenica del 15aprile l’ha dedicata alle esigenze associative interne incentrate sull’assemblea dei soci per l’approvazione del rendiconto 2011 e del bilancio di previsione 2012, nonché sulla relazione del  presidente, illustrativa dell’attività svolta e di quella programmata, cui hanno fatto seguito gli interventi costruttivi dei soci con riferimento alla vita associativa ed alla realizzazione di  progetti che usufruiscono di collaborazioni anche esterne, frutto della capacità relazionale dei soci. L’assemblea, manifestamente commossa,  ha altresì rinnovato l’appello per la liberazione della sventurata Rossella Urru.

E’ stato una sorta di social day che si è concluso con uno squisito pranzo organizzato dall’ottimo  chef  Riccardo Paolini, nostro socio. 

Domenica 22 è stata la volta dello sport. Una delegazione dell’Associazione ha incontrato la  squadra di basket Sassari Banco di Sardegna, ospite a Pesaro per disputare la partita di campionato di A1 contro la Scavolini Siviglia.

Purtroppo hanno perso i nostri amici corregionali,  complice anche qualche distrazione arbitrale, ma ha vinto lo spettacolo ed ha trionfato lo sport praticato da entrambe le  squadre, degne della loro posizione di alta classica. 

I fratelli Sardara, con alla presidenza l’eclettico dott. Stefano, valendosi di un motivato staff tecnico e dirigenziale, profondono ammirevole   impegno personale, capacità   e spiccata personalità.  Si percepisce subito un ambiente quasi ideale, carico di  entusiasmo e sorretto dalla competenza dell’allenatore Meo Sacchetti e dalla bravura dei giocatori rappresentati dal capitano Manuel Vanuzzo. 

E’ stata una giornata che ha espresso l’eccellenza della sardità sportiva,  sottolineata dai fragorosi applausi di cui siamo stati indiretti beneficiari anche noi sardi trapiantati nel pesarese, in quanto la squadra in campo non rappresentava soltanto i colori sociali della Polisportiva Dinamo Basket Sassari, ma la Sardegna come entità unitaria dei sardi dell’isola e fuori di essa.  

Domenica 29 aprile l’Associazione ha celebrerà  “Sa die de sa Sardigna”, ospitata dal Circolo di Villa Betti, Comune di Monteciccardo, vicino a Pesaro  e luogo ameno con retaggio storico medievale, che ha conosciuto il passaggio delle truppe impegnate nelle cruenti battaglie della linea gotica, che hanno inghiottito innumerevoli vite umane ed a cui dobbiamo la libertà e la democrazia attuali.

Scenario quindi privilegiato per ricordare i c.d. “vespri sardi”  contro il tiranno e festeggiarne  i valori innalzando sul pennone il vessillo della Sardegna,  con unità d’intenti e spontanea partecipazione della popolazione amica,  che ci ospita all’insegna del reciproco e profondo rispetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *