COMUNICATO STAMPA DELLA FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI SARDE IN ITALIA: NO ALL'ABBANDONO DELLA TARIFFA UNICA NELLA CONTINUITA' TERRITORIALE AEREA


di Serafina Mascia – Presidente F.A.S.I.

La gara sulla nuova continuità territoriale aerea è stata disertata dalle compagnie nazionali interessate, Alitalia, Meridiana.

Contemporaneamente continua, come lo scorso anno, il caro tariffe sulle rotte marittime, aggravato dall’incertezza sull’acquisto della Tirrenia, sulla base delle osservazioni dell’Unione Europea.

Aerei e navi, con rispettive compagnie, funzionano a singhiozzo, con disservizi continui, contraddicendo il principio europeo che riconosce lo svantaggio dell’insularità e negando di fatto la continuità.

La mobilità è negata ai sardi residenti, che restano prigionieri del mare, ma anche ai sardi non residenti, che per raggiungere la loro terra devono pagare le difficoltà di un sistema dei trasporti, (delle persone e delle merci), inadeguato, arretrato.

La FASI e le altre Federazioni degli emigrati chiedono una continuità territoriale moderna, funzionante e non discriminatoria.

Il modello più giusto e più utile alla Sardegna dal punto di vista economico e sociale è quello della tariffa unica.

Lo diciamo nell’interesse nostro, come emigrati, che è  anche l’ interesse generale di tutti i sardi.

Se vogliamo nella gravissima situazione economica attuale, creare un’azione di sostegno al turismo isolano, uno dei pochi settori che resiste, sia pure con le difficoltà indotte dalla crisi generale, la tariffa unica è la sola soluzione possibile.

Si tratti con le compagnie, sulla base degli orientamenti della conferenza dei servizi, cercando la flessibilità possibile sull’organizzazione del sistema, delle tratte e dei voli, ma senza cedere sulla tariffa unica.

Si tratti con il governo sul costo necessario per assicurare gli oneri di servizio che servono a garantire la continuità.

Il governo Monti deve intervenire. Non si può slegare il costo della continuità accollato alla Sardegna, dal rispetto da parte dello Stato del patto sulle entrate e quindi dell’aumento delle risorse dovute.

È su questo che tutte le forze politiche sociali ed economiche sarde dovrebbero trovare la forza e la capacità unitaria di azione.

Gli associati dei circoli dei sardi in Italia possono, come hanno già fatto, ottenere degli sconti, per via della forza del loro associazionismo, con accordi commerciali con le compagnie.

Ma questo non tutela i 700.000 sardi , le seconde e terze generazioni di sardi che stanno  in Italia e in Europa, e tutti coloro che amano, apprezzano e scelgono la Sardegna per il mare, la cultura, il territorio.

Ridurre la grande questione della continuità territoriale allo sconto per residenti non giova al sistema economico sardo, al settore turistico e all’indotto della produzione agricola e pastorale.

Una risposta a “COMUNICATO STAMPA DELLA FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI SARDE IN ITALIA: NO ALL'ABBANDONO DELLA TARIFFA UNICA NELLA CONTINUITA' TERRITORIALE AEREA”

  1. caro massimiliano, ma, per una volta, una dico, non si può essere più duri nelle parole, non si può dire che non ce la facciamo più? io ho avuto una emergenza per domani e vuoi sapere quale è la possibilità da roma a cagliari con meridiana?… un volo alle 9! e alitalia aveva già chiuso i voli del pomeriggio sera, ed a oltre 100 euro sola andata. e vogliamo parlare degli irlandesi? alle 7 e qualche cosa da ciampino circa 60 euro, la sera alle 21 e qualche cosa …263! ecco, continuiamo a fare appelli al governo regionale, a quello nazionale, chiediamo aiuto a Dio, massimiliano, perché siamo, e restermo per sempre pocos locos y malunidos! e soprattutto pavidi e infingardi davanti a chi non ci tutela. la mia famiglia vive a cagliari, io vivo e lavoro a roma e un terzo del mio stipendio lo regalo alle compagnie aereee navali per stare con la mia famiglia il più possibile. non siamo tutelati, facciamo ponti d’oro per un emiro impaccato di soldi e non siamo capaci di lottare per avere i soldi che lo Stato ci deve, non sappiamo lottare per avere il riconoscimento costituzionale dell’Insularità, ed allora, circoli dei Sardi d’Italia e del mondo, rivolgiamoci alla Corte Europea di Giustizia ed all’Unione Europea per Palese violazione del diritto riconosciuto da Schengen della libera circolazione dei cittadini europei. perché è un diritto che ci è negato! E visto che si avvicina quella burletta de Sa die de sa Sardigna, per una volta ricordiamoci seriamente che cosa significa essere figli di Sardegna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *