DAMIANO FILIA, TEOLOGO E STORICO ILLORAESE: RICORDO DELL'AUTORE DE "LA SARDEGNA CRISTIANA"

Damiano Filia

di Cristoforo Puddu

 

Illorai , paese costerinu della provincia di Sassari, si colloca all’estremo ovest della Catena del Goceano e da una posizione collinare splendida, ricca di bellezze paesaggistiche e naturali, si schiude a spaziare sugli ampi orizzonti del Nuorese e i monti del Gennargentu. Il piccolo centro, ora decimato dall’inarrestabile fenomeno dell’emigrazione e spopolamento delle aree interne dell’Isola, ha dato i natali allo scrittore Damiano Filia (4 novembre 1878 – 22 maggio 1956). Il ricordo del famoso teologo e storico è ancora vivo tra la sua comunità: grata per il lustro che ne ha ricevuto gli ha intitolato la Scuola media e una via panoramica; mentre negli anni Ottanta il Comitadu illoraesu pro sa cultura sarda gli dedicava tre edizioni di un premio letterario di poesia e saggistica e nel 2001, promosso dalla Facoltà Teologica della Sardegna, si teneva un convegno di studi sulla sua figura ed opera. L’apprezzato giornalista Aldo Cesaraccio (Nuova Sardegna del 22 maggio 1976), a vent’anni dalla scomparsa, definì significativamente l’illoraese “uno dei più vigorosi cervelli della Sardegna a cavallo dei due secoli, come studioso, storico, scrittore ed oratore sacro”. Raimondo Bonu invece, nel suo secondo volume Scrittori Sardi (Sassari, 1961, pp. 603-612), riuscì a catalogare oltre cinquanta opere scritte dal Filia nella proficua attività di studi e scrittura iniziata, e coltivata con incredibile intensità, a  partire dal 1902 con la pubblicazione d’esordio Nel Goceano (profili e macchiette sarde), Sassari, Tipografia U. Satta. Il nome del Filia è comunque indissolubilmente legato al suo principale lavoro storico: La Sardegna Cristiana, storia di sintesi fondamentale sulla presenza e azione della Chiesa nell’Isola. L’opera, accolta con interesse e favore da autorevoli recensioni (il Solmi riconobbe all’autore sardo “ottime doti di erudito e  di storico”), consta di tre volumi pubblicati a Sassari rispettivamente nel 1909 (La Sardegna Cristiana: Storia della Chiesa. Vol. I. Dalle origini al secolo XI, Tipografia U. Satta), 1913 (La Sardegna Cristiana: Storia della Chiesa. Vol. II, Tipografia U. Satta) e 1929 (La Sardegna Cristiana: Storia della Chiesa. Vol. III. Dal 1720 alla Pace del Laterano, Stamperia della libreria italiana e straniera). Nel  1995 l’editore Carlo Delfino di Sassari ha ristampato in bella veste tipografica l’opera, ancora oggi costante punto di riferimento per studiosi e cultori. Tra l’ampio numero di pubblicazioni del Filia sono estremamente interessanti i lavori su Letteratura mariana, Cultura religiosa e pensiero moderno, La Chiesa di Sassari, Ricordi costantiniani, Echi giobertani, La riforma francescana, Le vicende religiose della Corsica, Le cause sociali dei moti sardi del 1793-1802, Il laudario lirico quattrocentista e la vita religiosa dei disciplinati bianchi di Sassari: con officio e statuti italiani inediti (Sassari, Gallizzi, 1935), Sorso, perla della Romangia e Incontro di San’Ignazio con Sassari (1956).

Damiano Filia, primogenito di Giuseppe e Maddalena Carta, è avviato agli studi dallo zio canonico Damiano Masala (parroco della Cattedrale di Ozieri e delle importanti sedi parrocchiali di Bono e Bonarcado) che inculca nel nipote “l’amore alla Chiesa e alla Sardegna” e favorisce lo sviluppo della sua vocazione sacerdotale. Frequenta gli studi nei seminari di Oristano e Sassari, dove raggiunge la laurea in Teologia, ed è ordinato sacerdote il 19 settembre 1903. Quattro anni più tardi consegue la seconda laurea in Diritto Canonico e Civile all’Apollinare di Roma e le materie, che coltiva con passione, divengono anche oggetto d’insegnamento. Si distingue ben presto come abile oratore e partecipa attivamente a frequenti dibattiti, conferenze e congressi di cui vengono pubblicati puntualmente i preziosi, doti e profondi interventi. Con la nomina di canonico, nel 1908, e a primo parroco della chiesa urbana di San Giuseppe intraprende anche una significativa carriera ecclesiastica: penitenziere della cattedrale, vicario generale di Sassari (designato dall’arcivescovo Mazzotti) e decano del Capitolo turritano. Damiano Filia, co-fondatore del settimanale cattolico diocesano “Libertà” con l’avvocato Zirolia e padre Manzella, ne fu direttore dal 1910 e “continuò a scrivervi anche durante il fascismo difendendo con coerenza i valori del cristianesimo” e della persona. Per la riconosciuta autorevolezza di storico entra a far parte, dal 1935, della Deputazione di Storia patria per la Sardegna e nominato ispettore bibliografico onorario. Nel 1949 risulta eletto al primo Comitato regionale dell’Associazione italiana biblioteche e nel 1953 partecipa all’VIII Congresso nazionale, tenutosi a Cagliari. Damiano Filia morì a Sassari nel 1956 ed ora riposa nella cappella di famiglia del camposanto Cuventu (originariamente luogo di una importante struttura conventuale agostiniana attiva dal 1624 al 1772) nel suo natio Illorai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *