ITE SARDINIA? SENE PASTORIS, SENE TURISMU, SENE PISCARORIS!

gli emigrati sardi di Biella, al palazzetto dello sport della loro città quando ha giocato la squadra di basket della Dinamo Sassari
gli emigrati sardi di Biella, al palazzetto dello sport della loro città quando ha giocato la squadra di basket della Dinamo Sassari

di Piero Pinna

Eusu cumentzau chistionendi de sa partira de pallacanestru (bòcia in canistu) chi sa squadra de Tatari ari giogau inoi in Biella e bintu ,cun prexu nostu mannu mera. Seusu andaus prus de centu cun i bandelas sardas a fai tifu, nosu de su Circulu “Su Nuraghe” si seus postus impari a is tifosus arribaus de Tatari po incoraggiai sa squadra sarda. Cambiaus arrexioni e discuteus de su movimentu de is pastoris sardus chi funti andaus a Roma a si chesciai de su pretziu de su lati si du paganta troppu pagu e non ci da fainti prusu a andai ainnantis, impresas meras nanca funti serrendi, poita cun su chi di si onanta no paganta mancu i s’ispesas e funti acarrexaras de depiru. Du s’anti trataus peus de is clandestinus, e is politicus sardus citius.

Sa chescia prus manna deus fatta po acomenti anti aumentau tontesamenti is pretzius de i billetus po andai e torrai de sa Sardinia, si sighinti aici, mancai siausu in Italia, feusu sa fini de is chi funti emigraus in Australia e in America ca, si non funti diventaus arriccus, no torranta prusu poita costara tropu su viagiu. Su chi spantara a nosu emigraus est ca i sardus residentis no si chescianta po nuda, pensanta ca no dusu ariguardara, su fatu ca funti pagus is famiglias chi no teninti a su mancu unu parenti emigrau pariri chi non bastiri a movi sa chescia. De chini guvernara, presente e pasato e cun pagu sperantza fintzas po is tempus chi anta sighiri, melus a no fai tropu cunfiantza; candu anti sartau su mari po pregontai diritus po sa Sardinia, cun su rei o cun is presidentis, sempri cun su capeddu in manus e a conca bascia. A nosu de i circulus sardus in continenti, si nanta in is azentzias, ca funti rinuncendi sardus e continentalis poita ca su viagiu costara tropu, a sa faci de su rilanciu de su turismu. Is politicus du scinti ca no bastara a andai a Milanu o a Tokio a fai promotzioni, cussu serbiri po si fai i viagetus a turnu. Su chi era serbiri de diaderus est su pretziu de is viagius po is pressonas e sa merce, possibili chi no du cumprendanta narara Baroi. E chi invecisi danti cumprendiu beni de diora? Provai a pensai a sa Sardinia sene pastoris, sene piscaroris, sene turismu, totus foras de is butarigas, cali logu prus belu po cresci i servituris miltaris italianas e internatzionalis, cai logu prus siguru po duas o tresi centralis nuclearis, e no si depinti scimingiai mancu po su stoccagiu de is iscorias cun totus i minieras becias chi di funti. Po si torrai a serenai pigara su fuedhu Biagiu, custa borta si bolu chistionai de sa possidentzia e de su proprietariu a s’antigoriu ma no si penseisi chi siara preistoria ca du s’a conotus ancora aiaiu miu. Funta tempus de famini po chini depiara tirai ainantis fendi calincuna giorronara candu  agatara de da fai. Biagiu du scriri sempri melus de mimi, chini boliri tenni sa curiosirari esu prexeri ligiri su chi sighiri scrittu de issu. Po parti mia si saluru a nomini de totus is chi eus partecipau a custa arexionara.

Abbiamo incominciato la chiacchierata parlando della partita di pallacanestro che la “Dinamo Sassari” ha giocato e vinto qui in Biella contro l’”Angelico”, una bella soddisfazione; noi del circolo “Su Nuraghe”di Biella eravamo più di cento, con le bandiere sarde e ci siamo uniti ai tifosi arrivati da Sassari per sostenere la squadra sarda. Si introduce un altro argomento e parliamo del Movimento dei Pastori sardi che sono andati a Roma a protestare per il basso prezzo del latte, glielo pagano troppo poco e non ce la fanno più a tirare avanti, tante aziende stanno chiudendo perché con il prezzo attuale non coprono neanche le spese di produzione e sono sommerse dai debiti, appena sbarcati li hanno bloccati nei pullman e scortati di nuovo fino alla nave, trattati peggio dei clandestini, e i politici sardi silenzio totale. Abbiamo in molti palesato il nostro sconcerto per l’aumento scriteriato e ingiustificato che hanno applicato ai biglietti da e per la Sardegna; se continuano questi soprusi, anche se siamo in Italia, facciamo la stessa fine di coloro che sono emigrati in Australia o in America che, se non sono diventati ricchi non sono più tornati perchè il viaggio costa troppo. Quello che dispiace a noi, sardi emigrati, è che la protesta dei sardi residenti è troppo scarsa; pensano che non li riguarda, anche se son poche le famiglie che non hanno un parente emigrato non basta per svegliarli dal torpore politico. Dagli amministratori è meglio non aspettarsi troppo, i governanti sardi del passato, del presente e temo anche del futuro, quando si sono recati dal re o dai presidenti per perorare i diritti della Sardegna si sono sempre presentati con il cappello in mano e la testa china. A noi dei circoli sardi della penisola risulta, lo dicono le agenzie di viaggio, che le rinunce sono sia dei sardi che dei continentali; alla faccia del rilancio del turismo. Andare a presentare la Sardegna in giro per il mondo, senza intervenire sui prezzi dei biglietti serve solo a farsi qualche viaggetto a turno; possibile che non lo capiscano chiede Salvatore. Il dubbio è che l’abbiano capito fin troppo bene, avessero pensato ad una Sardegna senza pastori, senza pescatori, senza turismo, tutti fuori dai “marroni”, pecore e “pecoroni”, quale posto più bello per aumentare la  servitù militare, italiana e internazionale, quale luogo più sicuro per costruire due o tre centrali nucleari e non dovrebbero ammattirsi troppo per lo stoccaggio delle scorie con tutte le vecchie miniere abbandonate che ci sono.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *