LA F.A.S.I. E "FRATELLI D'ITALIA": LE PAROLE DEL DIRETTORE EDITORIALE DE "L'UNIONE SARDA"

l'opera di Anna Maria Citelli compresa nel Catalogo
l'opera di Anna Maria Citelli compresa nel Catalogo

di Gianni Filippini

La Federazione delle Associazioni Sarde in Italia ha promosso un’iniziativa davvero interessante e certamente meritevole di molto interesse e di convinti consensi. La manifestazione “Fratelli d’Italia” ha infatti forte valenza e profondo significato per molte e fondate ragioni. Intanto perché rappresenta in modo originale il coinvolgimento diretto dei sardi – e in particolare dei 350 mila sardi dei 70 circoli della penisola – alle celebrazioni del 150° anno dall’Unità d’Italia. Alla FASI va poi riconosciuto di aver avuto un’idea brillante: un concorso, una selezione delle migliori opere d’illustrazione, grafica e satira, un catalogo splendido come questo e una mostra itinerante con particolari tappe italiane in quattro città simbolo: Torino, Firenze, Roma e Cagliari e all’estero. Non solo. Anche la precisa volontà di stimolare con la libera creatività degli artisti l’evocazione dei principi fondamentali del Risorgimento e l’analisi aggiornata del concetto di identità nazionale. Non è dunque soltanto un caso che l’iniziativa – la si può obiettivamente definire un grande evento – sia stata inserita tra quelle approvate ufficialmente dalla Presidenza del Consiglio. Dunque, per ritornare a un’estrema sintesi, una celebrazione per immagini. Le migliori tra le tantissime che centinaia di artisti, anche di notorietà internazionale, hanno creato per proporre un’inedita interpretazione dello storico appuntamento. A questo catalogo il compito importante di essere – ora e in futuro – la documentata testimonianza dell’eccezionale evento sottratto alla banalità dei luoghi comuni e alle trappole della retorica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *