VENERDI' 12 A VERONA, TAVOLA ROTONDA DEL CIRCOLO "SEBASTIANO SATTA": DALLE CINQUE DOMANDE DEGLI STAMENTI ALL'AUTONOMIA E SOVRANITA' DELLA SARDEGNA


di Maurizio Solinas

Chenapura 12 de Sant’Andria 2010
a sas 16,00
Venerdì 12 Novembre 2010
ore 16,00
S’at a comintzare cun su:
Saludu de su Presidente de su Sotziu Maurizio Solinas
Saludu de sas autoridades
Saluto del Presidente Maurizio Solinas
Saluto delle Autorità
Sichit sa Mesa Tunda coordinada dae Tonino Bussu:
“Dae sas Chimbe Dimandas de sos Istamentos a s’Autonomia e Soverania de sa Sardigna”
Tavola Rotonda coordinata da Tonino Bussu:
“Dalle Cinque Domande degli Stamenti all’Autonomia e Sovranità della Sardegna”
Pican parte a sa Mesa Tunda:
Prendono parte alla tavola rotonda:
Franco Bonfante, vice-presidente Consiglio Regionale Veneto
Michele Cossa, vice-presidente de su Cossizu Regionale Sardu
Massimo Giorgetti, assessore ai LIPP Regione Veneto
Angelo Carta, assessore a sos Trasportos Regione Sardu
Pietro Pittalis, vice-capugruppu PDL in su Cossizu Regionale Sardu
Jubanne Colli, segretariu Natzionale de su Partidu Sardu
Silvio Lai, segretariu Regionale Sardu Partidu Democraticu
Mario Medde, segretariu Regionale sardu de sa CISL
Tonino Mulas, presidente de sa Federatzione de sos emigraos
sardos in Italia (FASI)
Pru cussu cumbidamus a S.V.de festare custa Die cun nois.
Sono pertanto a chiedere alla S.V. Ill.ma di partecipare all’Evento con noi.
Su Presidente Maurizio Solinas
 
SA DIE DE SA SARDINIA
Sa Festa de sa Sardigna est pro
su Populu Sardu s’ammentu
de sa gherra pro sa libertade.
S’istoria contat chi, a pustis
de annos de tribulias e
de prepotentzias de cada
zenia, su populu s’est bortau
bocandenche a foras dae
s’Isula sos Piemontesos chi
fin istaos tantu oppressores
chi sos Sardos belle belle fin
pentios de no esser galu sutta
sos Ispagnolos, mancari chi
custos puru no esseren farina
de facher ostias.
 
LA FESTA DELLA SARDEGNA
“La Festa della Sardegna”
rappresenta per il Popolo
sardo il momento della
riconquista della libertà. La
storia racconta che dopo anni
di vessazioni di ogni genere,
il popolo in rivolta scacciò
dall’Isola i Piemontesi, tanto
oppressori dal far rimpiangere
ai Sardi la dominazione degli
Spagnoli, non certo degli
“stinchi di santo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *