DAL 2 AL 4 LUGLIO, IL FESTIVAL LETTERARIO INTERNAZIONALE DELLA SARDEGNA A GAVOI

Gavoi
Gavoi

di Cristoforo Puddu

Si rinnova a Gavoi, dal 2 al 4 luglio 2010, l’appuntamento con il Festival letterario internazionale della Sardegna. La manifestazione organizzata dall’associazione “L’Isola delle Storie” e diretta da Marcello Fois, giunta alla settima edizione, si annuncia ricca di eventi e di tanti ospiti protagonisti dell’attualità letteraria poetica e narrativa. La kermesse sarà inaugurata giovedì primo luglio dall’atteso concerto di Rocco Papaleo; l’apprezzato e noto regista, attore e musicista si esibirà con il suo Trio. Nella suggestiva cornice di Gavoi si confronteranno, negli ormai tradizionali appuntamenti mattutini “Dal balcone”, Benedetta Tobagi, Nicola Lagioia, Giorgio Vasta e Laura Pugno. Nei tre giorni svariati i dibattiti di confronto: Luigi Manconi partecipa all’incontro dedicato a “Le regole della persuasione”; Alessandra Casella introduce e coordina  la discussione “Sulla responsabilità dell’editore” e Giacomo Papi promuove gli appuntamenti di “Scrittura poetica” con i massimi rappresentanti della giovane generazione dei poeti polacchi. Protagonisti del ciclo “Povera patria” i giornalisti Ernesto Franco, Eugenio Scalfari e Giovanni Floris. Ed ancora riflessioni sui grandi temi di attualità italiana come la camorra e la Costituzione. Interessanti le sezioni dedicate ai giovanissimi e i laboratori con illustratori e scrittori internazionali. Il Festival ha il sostegno del Comune di Gavoi, della Provincia di Nuoro, della Fondazione Banco di Sardegna e della Regione Autonoma della Sardegna che, tramite l’assessorato della Pubblica Istruzione e dei Beni Culturali, ha riconosciuto al progetto l’assegnazione del contributo per il 2010 in quanto registra una “effettiva ricaduta sul territorio in termini di raggiungimento di risultati e di benefici”. La Regione ha destinato contributi, per un importo complessivo di 470.000 euro, a ben 13 progetti a carattere letterario basati “su elementi di qualità e di reale incisività sul territorio regionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *