DUE POESIE IN MEMORIA DI ANTONIO PIGLIARU, DOPO AVER LETTO GLI ATTI DEL CONVEGNO A LUI DEDICATO AL "LOGUDORO" DI PAVIA

Andrea Pintus
Andrea Pintus

di Andrea Pintus

Il Circolo culturale sardo “Logudoro” di Pavia ha pubblicato nel marzo 2010, a cura di Gesuino Piga e Paolo Pulina,  gli atti del convegno “La ricerca di Antonio Pigliaru sulla vendetta barbaricina” organizzato, presso la sede sociale, il 24 ottobre 2009, e dedicato alla memoria del grande filosofo sardo a 40 anni dalla morte (era nato a Orune nel 1922, è morto a Sassari nel 1969). Il poeta di origine sarda Andrea Pintus (è nato a Benetutti, in provincia di Sassari nel 1931), dal 1955 residente  in Oltrepò pavese (prima a Santa Maria della Versa, poi a Volpara, infine stabilmente a Broni), dopo aver letto il libro ha scritto due poesie (una in sardo, l’altra in italiano) in memoria di Pigliaru.
 prima poesia
Illustrat de sa Sardigna su costume,
de Sardigna istadu est unu faru,
professore naschidu in Orune,
dottu, at iscrittu in modu giaru,
forsi non l’at iscrittu mai nissunu,
fit e restat un’istudiosu raru
e lu devimus tennere caru.
 
De lezere su libru so orgogliosu
subra custu grande istudiosu;
devo narrere: gratzias  e adiosu.
Prego a tie pro un’ eternu riposu
in custa rima non t’apo nadu totu.
Gratzias a Pulina e Piga t’apo connotu,
ringratzio tottus cun su coro,
grazias a su circulu“Logudoro”.
 
Ringratzio chie su libru at compiladu
e chie a s’abboju at partecipadu;
tatzina a tatzina mi l’apo gustadu,
de lettura mi so alimentadu.
 
seconda poesia
La tua grande filosofia
parla molto di diritto.
Pigliaru, hai la mia simpatia;
hai studiato, molto hai scritto.
 
Valente di diritto professore,
mai della Sardegna accusatore;
di tradizioni antiche difensore:
la tua opera ai sardi rende onore.
 
Di significato non è priva
la sarda abitudine vendicativa;
ma poi la gente non è così cattiva,
a vivere bene anche si arriva.      
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *