LA MOSTRA SU ALBINO MANCA INAUGURATA A ROMA DALL'ASSESSORE MARIA LUCIA BAIRE

Maria Lucia Baire, Assessore alla Cultura della Regione Sardegna
Maria Lucia Baire, Assessore alla Cultura della Regione Sardegna

ricerca redazionale

“Il talento di Albino Manca non conosce confini, al pari della sua vita artistica che ha percorso gran parte della storia e delle vicende del ventennio in Italia e del dopoguerra negli Stati Uniti, affermandosi come una delle figure più rappresentative nel panorama culturale contemporaneo, andando ben oltre le frontiere della sua amata Sardegna”. Lo ha detto l’assessore dei Beni culturali, Maria Lucia Baire, inaugurando nel Complesso del Vittoriano, a Roma, la mostra antologica “Albino Manca. L’officina di uno scultore dal mito di Roma al sogno americano”, ospitata nella sala Zanardelli da oggi fino al 2 maggio prossimo.  L’esposizione, organizzata dalla Federazione dei circoli sardi in Italia (Fasi) con il patrocinio della Regione Sardegna, della Provincia dell’Ogliastra e dei Comuni di Roma, Tertenia e Cagliari, conta un centinaio di opere tra sculture, gioielli, dipinti, stampe, medaglie e disegni dello scultore sardo che, dopo un iniziale periodo di formazione artistica nella capitale, conquistò la definitiva consacrazione a New York. “Sono certa che la mostra contribuirà ad accrescere la conoscenza delle opere dell’artista che, forte della sua popolarità internazionale, ha però mantenuto intatto e vivo il legame con le sue radici e, in particolare, con il suo paese natio Tertenia che, proprio nel Museo civico dedicato allo scultore, ospita per volontà di Albino Manca una collezione dei lavori del suo studio newyorkese”, ha sottolineato l’assessore Baire durante l’evento al quale, oltre ai rappresentanti della Fasi, hanno partecipato anche il Capo di Gabinetto dell’assessorato del Lavoro Anselmo Piras, il presidente della provincia dell’Ogliastra Pier Luigi Carta, il sindaco di Tertenia Guido Pisu e i familiari dell’artista. Tra le opere di Albino Manca si ricordano il gigantesco monumento ai caduti “The Diving Eagle”, che sovrasta il Memorial Battery Park di fronte alla Statua della Libertà a Manhattan, il cancello di ingresso “Gate of life” del Children’s Queens Zoo di New York e le imponenti sculture bronzee collocate sulla facciata del Palazzo della Legione dei Carabinieri di Cagliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *