In tournee nella British Columbia in Canada, successo per i tenores di Neoneli

di Marcello Atzeni

 

Stavolta i Tenores di Neoneli hanno varcato l’oceano Atlantico per andare ad esibirsi in Canada. È come tutte le volte che il coro del Barigadu parte in tournèe è stato un successo di pubblico e di critica.
Ad accompagnare i cantori dell’alto Oristanese, i polistrumentisti Orlando ed Eliseo Mascia, rispettivamente padre e figlio, che da Maracalagonis esportano anch’essi la loro musica in ogni dove. La tournée canadese, è stata realizzata grazie alla collaborazione con l’Istituto Italiano di Vancouver, diretto dalla cagliaritana Alberta Lai. Il quartetto del Barigadu (Nicola Loi, Ivo Marras, Angelo Piras e Tonino Cau appunto, portavoce dell’ensemble), hanno iniziato le loro esibizioni a Mission, nella British Columbia, non distante da Vancouver, città nella parte occidentale del grande stato nordamericano. All’International Folk Festival di Mission, giunto alla 22ª edizione, i Tenores di Neoneli, hanno portato in scena lo spettacolo "Majas Sardas" (Magie sarde), la cui filosofia poggia sulla lettura delle varie possibilità musicali consentite dagli strumenti della nostra tradizione popolare.  In Majas Sardas è stato proposto in Canada uno spettacolo in cui si potesse leggere un percorso temporale, che partendo dalle voci del tenore, arrivasse agli altri strumenti della nostra tradizione, che comprendono anche il triangolo diatonico, i tamburi sardi, lo scacciapensieri , sa cann’isperrada, sa bena cun corru e diversi altri. Questi strumenti ancestrali e autoctoni della Sardegna, hanno costituito una piccola ma gustosa mostra itinerante, che ha suscitato molta curiosità, nel vedere le dimostrazioni offerte al pubblico, oltre che dai quattro tenori, anche da Orlando ed Eliseo Mascia, che da parecchi anni raccolgono consensi a qualsiasi latitudine, sia che si esibiscano con il quartetto del Barigadu, sia che si propongano con un proprio repertorio. Il pubblico della grande nazione del Nord America ha potuto ascoltare una musica magicamente arrivata fino a noi in maniera del tutto inalterata. Lo spettacolo è stato strutturato in modo tale che i canti del coro, a cappella e accompagnato dal duo Mascia, fosse basato su testi scelti ad hoc, principalmente composti dai Tenores su tematiche d’attualità. Mentre a Vancouver, frontiera canadese dell’oceano Pacifico, lo spettacolo è stato ospitato presso la "Casa Friulana" e si è concluso con una standing ovation e ballo sardo finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *