Allarme clima: l'Europa corre ai ripari. Italia tra i paesi più a rischio

di Massimiliano Perlato

 

Spagna e Grecia saranno le nazioni europee più colpite dai cambiamenti climatici. Soffriranno agricoltura, industria alimentare e turismo, tre pilastri economici dei paesi mediterranei. Ma ci saranno anche problemi di approvvigionamento idrico ed energetico, di salute pubblica, di erosione delle coste e di tenuta delle infrastrutture. E’ questo, in sintesi, il quadro da disaster movie che la Commissione Ue ha mostrato per la convocazione di un vertice straordinario sul clima da parte del presidente Usa Barack Obama. Appuntamento per preparare al meglio il summit di Copenaghen del prossimo autunno, quando il mondo intero sarà chiamato a mettere nero su bianco una strategia per bloccare l’innalzamento delle temperature (l’Europa lo ha già fatto). Ma, bisogna rassegnarsi: per quanto riusciremo a mitigare l’effetto serra, i disagi arriveranno lo stesso (e meno faremo, più saranno). Ecco perché l’Ue lancerà la strategia sull’"adattamento": da un lato bloccare gli sconvolgimenti climatici (Kyoto 2) e dall’altro prepararsi a convivere con quelli che inevitabilmente arriveranno. Un piano che l’Italia, come i vicini del Mediterraneo, dovrà prendere molto sul serio, visto che da qui alla fine del secolo il nostro sarà uno dei Paesi più colpiti dalla rivoluzione del clima. Colpa di ondate di caldo, incendi, flessione del turismo, calo della produzione agro-alimentare e scarsità di acqua potabile. Anche la vita nell’Europa del Nord cambierà, ma con un mix di novità positive e negative. Il tutto costerà all’Ue oltre sei miliardi di euro all’anno fino al 2020, cifra che entro il 2060 potrebbe arrivare a 63. «La portata dell’impatto varia da regione a regione. In Europa – scrive la Commissione Ue – quelle più colpite saranno la parte meridionale del continente e il bacino del Mediterraneo. A rischio anche Alpi, isole, aree costiere, urbane e pianure densamente popolate». Un identikit dell’Italia che, pur senza essere citata nel rapporto, viene indicata come a rischio nelle varie cartine che lo accompagnano, come quelle sulla flessione delle colture e delle riserve di acqua potabile. E ad essere duramente colpito sarà anche il turismo, con la diminuzione di neve nelle zone alpine (non bisogna farsi ingannare da un singolo inverno nevoso) e l’aumento delle temperature nel bacino mediterraneo, con tanto di erosione delle coste, diminuzione del pesce, deterioramento della qualità dell’acqua, aumento esponenziale di meduse e alghe. Soffrirà anche l’agricoltura, con perdita di fertilità e carestie. Rischiano le foreste, la pesca, l’acquacoltura e gli ecosistemi marini. In pericolo le coste e le infrastrutture, sempre più colpite da fenomeni meteo estremi e da inondazioni. Gli sconvolgimenti delle temperature avranno effetti anche sulla salute animale, vegetale e umana, con un aumento di malattie e infezioni specialmente per anziani, bambini e malati cronici. Andrà in crisi il sistema dell’energia (ci sarà una maggiore richiesta e, nel Sud Europa, una diminuzione di produzione idroelettrica). Per non parlare dell’immigrazione, che gli sconvolgimenti climatici faranno aumentare. E’ per tutti questi motivi che Bruxelles lancerà un appello alla classe politica continentale: «E’ fondamentale sviluppare politiche che permettano il massimo livello di adattamento visto che il mercato da solo non sarà in grado di farlo». E per farcela da oggi al 2012 si dovranno studiare al meglio gli effetti del cambiamento climatico, per poi passare all’azione dal 2013 integrando ogni aspetto delle politiche europee all’adattamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *