Vota Flavio Vota!



di Flavio Soriga
 
Cari amici, amiche, conoscenti & sconosciuti, il mio romanzo ultimo, il famigerato “Sardinia Blues”, dell’illustre casa editrice Bompiani in Milano, è in concorso come Libro Dell’Anno di Fahrenheit, la popolare trasmissione radiofonica di Rai Radio Tre. Le sue possibilità di vittoria sono assai scarse, ma come sapete l’importante è impegnarsi al massimo e onorare la gara. Credo. In ogni caso, votare per “Sardinia Blues” è molto facile, economico e pulito: basta mandare una lettera elettronica (o e-mail) a fahre@rai.it e scrivere nell’oggetto, o nel corpo-lettera, o nel risvolto di copertina, o nella nota finale, o tra i ringraziamenti, o dove volete:
Voto per Sardinia Blues!
il punto esclamativo non è obbligatorio, ma io lo consiglio vivamente. credo possa dare una maggiore forza al vostro voto, e anche una certa dose di allegria e brio, e di sensualità vigorosa, e di sottile ironia. E’ tutto, io vi ringrazio con un trasporto imbarazzante, m’inchino e vi prego di credermi, ma davvero, profondamente convintamente.
Flavio Soriga di Uta e Siliqua, Marchese del Cixerri

3 risposte a “Vota Flavio Vota!”

  1. Senti, io sono una che blogga niente e che gira poco sulla rete, ho letto quello che mi hai allegato e di Teo nn ho

    trovato niente, ma in compenso ho trovato post su Soriga e mi sono affrettata a votare il libro. Ho conosciuto Flavio quest’anno a Mantova al festivaletteratura e trovo che sia una splendida persona. Buon Natale

    Un abbraccio a te e Valentina

  2. Scusa, caro Flavio, ma ho un favore da chiederti. Da parecchio tempo ricevo messaggi e mail da amici che mi dicono di essere sorpresi nell’apprendere che sono di origine sarda mentre credevano che io fossi un piemontese trasferitosi in Liguria da molti anni. Finalmente mi sono deciso ad indagare ed ho scoperto il tuo blog con lo slogan "Vota Flavio Vota". Chiunque provi a cercarmi su un browser trova subito il tuo slogan e pensa che lo abbia proposto io. Non è un grosso problema ma se tu potessi abbreviarlo togliendo il secondo "Vota" te ne sarei grato, anche perchè non sono in politica e non ho bisogno di voti. Ho sempre amato la Sardegna ed i sardi da quando avevo 13 anni (molti decenni fa!) e ci sono andato per la prima volta, non voglio però arrogarmi il diritto di farmi credere sardo, anche se non mi dispiacerebbe. Il mio cognome qualche volta presenta degli inconvenienti. Mio padre si chiamava Antonio e non sopportava il comico Totò da quando vide un film degli anni cinquanta nel quale ripeteva lo slogan "Vota Antonio…." Saluti a tutti!
    Flavio Vota (Rapallo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *