Sardegna in mostra a New York

ricerca redazionale

 

Cinema, musica e anche gastronomia. La Sardegna sbarca nella Grande Mela. Per il secondo anno consecutivo l’Isola va a New York. Si è presentata con un ciclo di eventi di cinema, musica, fotografia ed enogastronomia. Se nel 2007 la Regione era stata sponsor del New York Film Festival, – spiega una nota dell’assessorato al Turismo – quest’anno la presenza dell’isola in terra americana é stata inserita in un quadro di appuntamenti molto più articolato. "Sardegna a New York – Sardegna, quasi un continente", questo il titolo dell’iniziativa, che ha ripreso la frase con cui lo scrittore Marcello Serra titolò la sua opera più famosa, trovando una sintesi per descrivere la bellezza e l’unicità dell’Isola. E non a caso il brand della Regione Sardegna a New York risalta con quelle stesse parole: "Sardinia, almost a continent". L’iniziativa è rientrata in una serie di azioni pianificata dall’Assessorato regionale del Turismo, finalizzata alla promozione e al posizionamento della Sardegna sul mercato statunitense come "destinazione di eccellenza" nell’area dei paesi del Mediterraneo. Un progetto partito nel 2007 con la sponsorizzazione del New York Film Festival, proseguito la scorsa primavera a Cagliari con la prima parte dell’Italy Symposium (32 fra tour operator e giornalisti USA delle più importanti agenzie e testate hanno visitato l’Isola), e che ha trovato il suo compimento in questa settimana newyorchese di eventi e nella fase conclusiva dell’Italy Symposium, quando in autunno 300 operatori turistici americani arriveranno in Sardegna per l’incontro italiano annuale del settore. Per il secondo anno consecutivo l’assessorato del Turismo della Regione Autonoma della Sardegna é "co-main sponsor" del New York Film Festival, in programma al Lincoln Center. E’ stato anche proiettato fuori concorso l’ultimo film di Salvatore Mereu, "Sonetaula", alla presenza del regista. Al Walter Reade Theater – Lincoln Center si è tenuto un convegno promosso dalla Regione Sardegna su "Cinema e Turismo".

Altro appuntamento importante: al Town Hall è stato presentato "Sonos ‘e Memoria", il film di montaggio di Gianfranco Cabiddu, e con la direzione musicale di Paolo Fresu. La colonna sonora del film, composta appositamente, utilizza frammenti di forme musicali sarde rielaborate all’insegna della modernità e stata eseguita dal vivo da un eccezionale ensemble di musicisti, da Mauro Palmas ad Elena Ledda, da Antonello Salis a Luigi Lai, allo stesso Fresu. Altro appuntamento di prestigio all’Italian Academy della Columbia University la mostra fotografica di Daniela Zedda "Mastros" sulla cultura materiale, tradizioni, arti e mestieri: immagini scattate soprattutto nelle zone dell’interno, nel Nuorese e nelle Barbagie. La rivista "National Geographic Traveler" ha certificato con una speciale classifica pubblicata sul numero novembre-dicembre 2007 che la Sardegna é l’isola italiana più incontaminata. L’Isola si piazza al 31esimo posto nell’elenco generale che comprende le 111 isole più affascinanti del Pianeta staccando notevolmente le altre isole italiane. Il monitoraggio effettuato in collaborazione con la George Washington University ha coinvolto 522 esperti in tutto il mondo che hanno puntato la lente su tradizioni, cultura, paesaggio e ambiente delle isole selezionate. Trecento operatori turistici americani approderanno in ottobre in Sardegna per l’incontro italiano annuale del settore. La visita dei tour operator (anticipata da una prima visita di 32 operatori e giornalisti statunitensi dal 28 aprile al 4 maggio scorsi) consentirà una promozione straordinaria dell’Isola negli Usa e di inserire informazioni e immagini nei più importanti cataloghi turistici e nei giornali specializzati. Il turismo dal Nord America ha assunto negli ultimi anni sempre maggiore importanza riguardo ai flussi verso l’Italia. E la Sardegna resta una meta privilegiata dai turisti provenienti dagli Stati Uniti, particolarmente sensibili ad alcuni elementi storici come il patrimonio paesaggistico e culturale e altri contingenti come la sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *