Premio "Ozieri" di Poesia: riconoscimenti al "nostro" Cristoforo Puddu

ricerca redazionale

 

La manifestazione del Premio Ozieri, tenutasi domenica 22 giugno, si è conclusa con la cerimonia di premiazione della 48^ e 49^ edizione. Il prestigioso concorso di letteratura sarda, ideato dal compianto poeta Tonino Ledda nel 1956, ha visto trionfare, nella sezione "storica" della poesia inedita, l’ozierese Cristiano Becciu e i sassaresi Antonello Brazzu e Ignazio Sanna; nella sezione prosa Nino Fois di Porto Torres e Giulio Chironi di Orani, mentre la sezione "Tra poesia e canto" è stata appannaggio degli autori nuoresi Mario Sanna e Giovanni Piga. Tra gli emigrati ha conseguito il 4° premio la lirica "S’istadea" di Cristoforo Puddu, illoraese residente in Lombardia, e le composizioni "A s’iscuru" di Lorenzo Costantino Brandinu (emigrato a Cinisello Balsamo) e  "Po unu frorigheddu" di Francesco Pietro Pinna (emigrato ad Alessandria) che hanno conquistato la Coppa Messaggero Sardo. La giuria, presieduta da Nicola Tanda, è composta da Clara Farina, Franco Fresi, Dino Manca, Paolo Pillonca, Anna Cristina Serra, Salvatore Tola  e il segretario organizzatore Antonio Canalis che, invita a partecipare alla cinquantesima edizione in scadenza il 15 settembre 2008, e riporta "l’attenzione degli autori a quelle che furono le prime indicazioni per una corretta scrittura del sardo". Dopo mezzo secolo di attività letteraria e di promozione, anche per il Premio Ozieri è arrivato il riconoscimento giuridico e l’inserimento tra i "luoghi della cultura" in ambito regionale.

 

S’ISTADEA

A bortas, illacanarzu pesso ischíbbulu

a sas dies cumpridas in annos.

A su tempus nou inzénneru

impressidu che bentu manzanile

e irfinigadu de crarore a s’orizonte

mentres iscandàglio s’intumbu

de unu mutricore meledadu.

Cun s’istadea de sos Chimbanta

sos versos mios naigana naufragos

a largu in sa traschia de undhas

o si bisestrana cun ímpetu a marrarzos

-no est pius proa de poeta

resessere a si meravizare

de chie aferrat atzudu s’esisténzia

comente in edades primarzas.

Epuru pessigo peràulas de aficu

e s’echilíbbriu de limbazos;

contivizo sos sinnos de s’isperiéntzia

e imbergo da unu dillíriu de vida

s’amparu pro carignare su cras.

A bortas, intardos

mi daet timoria crarizare adhae

e chirco intro s’istoria mia

sos congruos iscampiados a sa resone

chi avantzada cun passu mudu

comente in una poesia de Cabidanni

de chie ischit cun tzertesa

d’èssere nàschidu in Abrile.

In s’istadea ponzo su coro

-fermentarzu lieru de unu sensu perfetu-

pro àteras dies anzenas e disconnotas

ue su benidore est solu intuímentu

de unu disizu arcanu chi lentorat s’ànimu.

Cristoforo Puddu

 

(A volte, infinito penso irrequieto ai miei giorni già decenni. Al tempo generazione che sfugge come il vento mattutino e s’assottiglia di luce all’orizzonte mentre scandaglio l’eco di un silenzio meditato. Alla bilancia dei Cinquanta i miei versi naufraghi saldano i conti alla deriva o s’infrangono impetuosi su scogli -riuscire a sorprendersi come nelle dimentiche e lontane prime volte che s’afferra la vita non riesce neanche ai poeti. Eppure rincorro parole di fiducia e un equilibrio di linguaggio; coltivo i segni dell’esperienza e attingo da un delirio di vita il sostegno per accarezzare il domani. A volte, raramente mi fa paura scrutare oltre e cerco dentro la mia storia il finale sfuggente alla ragione che incede con passo inascoltato come in una poesia di Settembre di chi sa con certezza di essere nato in Aprile. Sulla bilancia poso il cuore -lievito intatto di un senso perfetto- per altri giorni sconosciuti e mai appartenuti dove il futuro è solo un’intuizione del desiderio misterioso che irrora l’animo.)

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *