DAL LICEO ASPRONI A LONDRA: ROBERTO TODDE E’ IL RE DELL’OLIO DI AVOCADO CON IL SUO BREVETTO NEL CAMPO COSMETICO

Roberto Todde

di VALERIA GIANOGLIO

L’olio di avocado, gli arriva dal nord America, i barattoli e i tappi in legno di bambù, invece, sono figli dell’esperienza e delle materie prime cinesi, mentre le confezioni e alcuni ingredienti preziosi sono made in Italy, al cento per cento. Ma l’idea iniziale, la tenacia nel percorrerla sino a vederne la luce agguantando un brevetto unico al mondo nel campo della cosmetica, e il coraggio di buttarsi in una strada nuova e in apparenza persino un po’ folle, quelle sono tutte farina del Nuorese e del resto dell’isola. Frutto dei natali a Siniscola, di cinque anni di impegno sui banchi nuoresi del liceo classico Asproni, e di alcuni anni all’università di Cagliari studiando ingegneria meccanica. Fino alla decisione di fermarsi, e cambiare tutto. Buttarsi nel digital marketing, ovvero nelle vendite via internet, fondare un’azienda tutta sua a Londra e inventare un prodotto di bellezza che fino a quel momento non esisteva. E diventare il re delle creme di bellezza all’olio di avocado.

«Sono sempre stato curioso e creativo, e mi sono sempre piaciuti la grafica e la rivoluzione del digitale e ho studiato da autodidatta. Questa passione è cresciuta e ho notato che diventava sempre più importante rispetto all’interesse universitario. Così ho preferito interrompere gli studi in ingegneria meccanica a Cagliari e dedicarmi full time a ciò che mi piaceva davvero. è stata la decisione più dura, e anche più giusta, che potessi prendere, perché da quel giorno mi sono dedicato interamente al digital marketing»: ventisette anni, siniscolese di nascita, nuorese d’adozione per via degli studi liceali, Roberto Todde oggi è un giovane imprenditore che dalla sua casa-ufficio di Londra si è reinventato un lavoro, e con esso anche una vita. Dopo aver lasciato gli studi in Ingegneria meccanica a Cagliari per abbracciare la sua vera passione del digital marketing e aver lavorato anche in Sardegna, tenta l’avventura di Londra. E lì nasce l’idea che oggi gli ha fruttato un brevetto unico e che vende attraverso il sito www.cadoskin.com.

«L’idea di creare la mia impresa, e il marchio Cadoskin, nasce per un bisogno personale – spiega – ho sempre voluto che le persone avessero qualcosa nata da un mio progetto o idea, che potesse avere un’utilità sulle persone, ma che allo stesso tempo potesse condividere un messaggio positivo per la società e per l’ambiente. Ho voluto sfruttare il trend degli avocado, mi sono chiesto se ci fosse qualche azienda cosmetica che utilizzasse come ingrediente di punta l’olio di avocado. Non avendo trovato nulla ho deciso di prendere la palla al balzo e creare io qualcosa a base di olio di avocado. E poiché non ho trovato aziende del genere, che potessero creare un cosmetico per come l’avrei desiderato io, ho dovuto fare dei corsi di chimica dei cosmetici e formulazioni per brevettare una mia formulazione cosmetica». Ed è così, che nel dicembre del 2020, nel pieno della pandemia e delle sue restrizioni, nasce Cadoskin. «Un brand di cosmetica a base di avocado – spiega il giovane imprenditore – un cosmetico bio, vegano, cruelty free ed ecosostenibile, e da circa otto mesi anche plastic-free, dove l’uso della plastica è ridotta quasi a zero. Gli oli che utilizzo sono tutti puri al 100 per cento e non raffinati, importati da aziende che rispettano la sostenibilità, incluso l’olio di avocado».

https://www.lanuovasardegna.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.