UN SARDO NELLA NAZIONALE UNDER 14 DELLA BULGARIA: FRANCESCO TODOR CALIA E QUEL SOGNO DI GIOCARE UN GIORNO NEL CAGLIARI

Francesco Todor Calia

di CARLO MANCA

C’è tanta Sardegna nei sogni del ragazzo sardo bulgaro Francesco Todor Calia, nato in Bulgaria a Sofia il 29 settembre 2008, da uno studente emigrato sardo di Lula ed una ragazza bulgara. Il piccolo Francesco Todor inizia a giocare a 5 anni in una squadra di quartiere della capitale bulgara “I football stars“ con ragazzi di 8 anni, partecipa ai campionati pulcini regionali, dove a 8  anni viene notato dagli osservatori del Levski di Sofia; con questa squadra vince per oltre due anni tutti i tornei e le competizioni più importanti in Bulgaria e nei Balcani.  Partecipa anche a tornei internazionali in Germania sempre col Levski conquistando un primo posto. La sua crescita calcistica non passa inosservata ai dirigenti del CSKA (ЦСКА) squadra più blasonata della Bulgaria con 31 scudetti, società calcistica di Sofia nella quale milita tuttora. Da segnalare l’ottima prestazione sua e di tutta la squadra a dicembre 2021 nel prestigioso torneo U13 intitolato a Manlio Selis giocato nei campi del nord Sardegna dove ha avuto la possibilità di confrontarsi persino con i ragazzi della Juventus, ottimo il terzo posto raggiunto da Francesco Todor col suo CSKA, buoni i giudizi sulle sue prestazioni. Per due anni consecutivi è stato scelto come uno dei migliori giocatori del Milan junior camp torneo giovanile che si disputa in Bulgaria al quale partecipano ogni anno  più di 250 bambini provenienti da tutta la Bulgaria, convocato , inoltre, per due volte per  le  finali nazionali al  centro sportivo del Milan Vismara.
A coronamento di tanto lavoro e dedizione questa settimana è arrivata la convocazione nella nazionale bulgara U14 dove giocando due tempi nell’unica partita disputata ha avuto modo di mettere in mostra le sue indubbie qualità.
Il suo sogno è quello di giocare in Italia, il Cagliari la sua squadra del cuore che tifa assieme a papà Alessandro fin da quando ha dato i primi calci al pallone, soffrendo non poco specie quest’anno visto il finale di campionato. I colori rosso e blu sempre presenti nella sua pur breve esperienza calcistica  prima il blu del Levski, poi il rosso del Cska, con l’auspicio che a breve Francesco possa portare questi colori in una unica maglia appunto quella del Cagliari, e per stare nel tema dei colori ricordiamo il rosso della nazionale bulgara o l’azzurro di quella italiana, sognare è permesso, specie a quell’età.
Ogni volta che torna in Sardegna è inevitabile una visita a Lula il paese di origine del padre e non manca mai di tirare due calci nel campo sportivo alle pendici del monte Albo.

10 pensieri riguardo “UN SARDO NELLA NAZIONALE UNDER 14 DELLA BULGARIA: FRANCESCO TODOR CALIA E QUEL SOGNO DI GIOCARE UN GIORNO NEL CAGLIARI”

  1. I tuoi “zii” Vacca te lo augurano con tutto il cuore, il Cagliari acquisirebbe un bel campione che darebbe loro grandi soddisfazioni. In bocca al lupo Francesco Todor!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.