UN DIALOGO TRA UN NONNO E SUO NIPOTE SUI DISASTRI AMBIENTALI: “INCENDI”, (ISKRA 2022) IL NUOVO LIBRO DI ANTONIO PINNA

Antonio Pinna. ex-preside e giornalista, si è occupato di disabilità con i suoi libri Il mio viaggio nella SLA, CUEC Editrice 2018  ed il documentario SLA in men che non si dica, realizzato insieme al regista Antonello Carboni, L’ultimo libro s’intitola La cura ai tempi del Covid-19 Prendersi cura dei più fragili, Anziani disabili e caregiver familiari nella pandemia, Maggioli, 2020. E’ anche autore della monografia Antioco Zucca Un filosofo sconosciuto, 2D Editrice Mediterranea, 1992, di Poesie sms, Montedit, 2005  e del libro autobiografico La pineta e il porto, MILLE, 2020.Torino. Ed è in questi giorni in libreria con “Incendi”.

Nel 2021 in Sardegna gli incendi del Montiferru e della Planargia sono stati molto devastanti per l’ambiente e le attività umane. L’autore inquadra la cronaca la riflessione e i pareri degli esperti su questi disastri nella storia dei boschi e della deforestazione nella nostra isola. Nella trama narrativa vengo esposte le cause di questa piaga storica della Sardegna. Il riscaldamento globale ha favorito questi eventi ed anche gli incendi delle foreste calabresi nello stesso anno. Il libro racconta i “grandi fuochi” in Portogallo, Siberia e Brasile, dal 2017 ad oggi. Ridurre le emissioni dei combustibili fossili e preservare la biodiversità, minacciata dall’agricoltura industriale, sono, a giudizio degli esperti, le strade per uscire dalla crisi del Pianeta. Nel testo vengono proposti quattro esempi di cura della varietà e della bellezza degli ecosistemi e delle colture: le api, il fico d’india, i semi identitari, antichi e le orchidee selvatiche. L’opera è un dialogo tra un nonno e suo nipote preadolescente, ma è rivolta alle persone di tutte le età. E’ inoltre un utile strumento didattico per i bambini che si preparano ad affrontare o frequentano la scuola media. Nel prossimo mese di settembre l’autore svolgerà la sua attività di divulgazione tra i docenti della scuola primaria e della scuola media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.