GRANDE SERATA AL GREMIO DEI SARDI DI ROMA CON “DEUS TI SALVET MARIA”, LA CANZONE RELIGIOSA PIU’ AMATA NELL’ISOLA PRESENTATA E COMMENTATA DA OTTAVIO NIEDDU E MARCO LUTZU

Marco Lutzu, Ottavio NIeddu, Antonio Maria Masia

di ANTONIO MARIA MASIA

Nella bella sala Italia Unar, completa in tutti i suoi posti attualmente disponibili, ancora persistono, seppure ridotte, le limitazioni dovute alla pandemia, i soci e gli amici del Gremio hanno potuto godere con evidente soddisfazione e viva partecipazione di un evento, lungamente atteso e diverse volte rinviato: la presentazione a cura di Ottavio Nieddu e Marco Lutzu, rispettivamente ideatore del progetto editoriale e curatore, dello splendido volume “Deus ti salvet Maria” e della storia di devozione e  di identità che ne  derivano.

Nel saluto introduttivo il presidente del Gremio non ha mancato di ricordare che nell’occasione si è voluta celebrare la giornata festiva scelta dai sardi: Sa Die de sa Sardigna dedicando all’importante ricorrenza storica annuale la poesia religiosa, diventata musica e canzone popolare identitaria.  Il 28 aprile del 1794 i Sardi a Cagliari riuscirono a rimandare a Torino, cacciandoli letteralmente via, il viceré piemontese Balbiano e la sua corte, in segno di protesta per il mancato accoglimento da parte del Re delle cinque petizioni finalizzate a consentire ai Sardi di partecipare in termini di pari dignità con la componente piemontese del regno di Sardegna, alla gestione pubblica e amministrativa dei vari livelli di potere.

Quel momento di reazione, cantato dal giudice di Ozieri Ignazio Francesco Mannu con i versi di Barones, ufficialmente considerato l’inno sardo per eccellenza, per ottenere più autonomia e considerazione alla fine si chiuse con una sconfitta per i Sardi e per il più famoso dei loro leader Giovanni Maria Angioy di Bono. Ma rimane nella memoria e nella storia dei Sardi quale gran momento di ispirazione autonomistica, alla stregua del periodo nuragico e del periodo giudicale di Eleonora d’Arborea.

Attraverso il duetto fatto di domande da parte di Ottavio Nieddu, noto presentatore di spettacoli e festival dappertutto in Sardegna, ricordiamo fra gli altri: “Sardegna Canta”, operatore culturale infaticabile, da molti anni responsabile della spettacolare festa e processione di Sant’Efisio, e le risposte di Marco Lutzu, antropologo docente di etnomusicologia all’Università degli studi di Cagliari, raffinato ricercatore in Sardegna, Cuba, e Guinea Equatoriale dei rapporti tra musica e religione, delle motivazioni storiche e antropologiche della poesia improvvisata, abbiamo capito meglio di quanto potessimo intuire cosa è e cosa rappresenta per noi sardi: Deus ti salvet Maria. Un richiamo continuo e potente di emozione, di spirito di appartenenza ad una Comunità, un mezzo di devozione religiosa, un’occasione di canto che ci coinvolge e appassiona.

 Marco, occorre ricordarlo, dopo un lungo lavoro di ricerca, nel 2017 ci aveva già “regalato” la storia e le vicende storiche legate alla nascita e affermazione della terza fondamentale poesia-canzone sarda fra quelle più note e diffuse: chi non conosce, chi non accenna a cantare “Non potho reposare”? Lo splendido canto d’amore della Sardegna, frutto dei bellissimi versi del poeta Barore Sini di Sarule e della musica del Maestro Peppino Rachel di Nuoro?

E così al Gremio scorrono, raccontate con bravura, passione e chiarezza da Marco le circostanze che hanno portato a noi il canto religioso, nato quasi certamente da una traduzione in sardo di una parafrasi mariana attribuita al gesuita Innocenzo Innocenti (1624-1697). Una speciale e tenera “pregadoria” (preghiera) che richiamava un precedente del 1611: l’Ave Maria in sardo, in versione logudorese, compresa nella relazione del canonico Martin Carrillo inviata in quell’anno al re Filippo III di Spagna il cui incipit è: Deus ti salvet Maria piena de gracia , su Segnore est cun tegus, tue ses benedita subra totus sas feminas e beneditu su frutu de su ventre tou, Iesus…

Versi cantati che hanno cominciato, grazie anche al “celebre dotto e distintissimo poeta sacro”, mancato sacerdote, Bonaventura Licheri di Neoneli (1683-1733), ritenuto da alcuni il “padre” del testo -canzone, a diffondersi rapidamente in Sardegna e anche oltre, perché ben rappresentavano il sentimento e la fede dei credenti. Versi che entravano istintivamente in piena sintonia con i gusti melodici anche dei non credenti e soprattutto contribuivano validamente alla penetrazione nelle popolazioni del luogo del messaggio spirituale della fede cristiana e dell’amore per la Vergine Maria… come “politicamente” volevano i Gesuiti di Cristo.  

E intervallando il racconto, Marco, continuamente e opportunamente sollecitato da Ottavio, ci proponeva la proiezione di immagini e di tracce musicali antiche e più recenti, tecnicamente “apribili”, come si dice oggi, e questa è una opportuna innovazione utile per l’immediato ascolto, attraverso la semplice scansione di diversi codici QR presenti nel volume.

Marco Lutzu

Volume che è anche corredato e impreziosito da un imperdibile CD, ricco di ben 16 tracce audio.

 Fra le quali:  quella eseguita da Giovanni Cuccuru di Usini  che ne fa la prima registrazione nel 1938,  Il Coro di Nuoro nel 1966, Michela Gregu di Mamoiada nel 1967, la bravissima e sfortunata Maria Teresa Cau di Ozieri nel 1966,  l’indimenticabile Maria Carta di Siligo, già socia del Gremio, che nel 1974,  attraverso Canzonissima,  riesce ad imporre nel Continente e in mezzo mondo la sua bellissima versione di Deus ti salvet Maria, facendole fare un salto di posizionamento sociale determinante: dalla musica e canto religioso a musica e canto etnico identitario di straordinario successo popolare. 

 E ancora l’interpretazione del grande sardo per sua scelta, nonostante lo sgarbo dei sardi, Fabrizio De Andrè, che attratto dalla versione del gruppo musicale Is Cantores di Nuoro riesce a darci, nel 1980, un ritmo avvincente e molto apprezzato nel famoso e bellissimo album “indiano d’America” scritto subito dopo il suo brutale sequestro con la sua compagna Dori Ghezzi. E poi ancora Clara Murtas ed Ennio Morricone, Paolo Fresu ed Elena Ledda, Andrea Parodi, Antonella Ruggero, Luigi Lai e le launeddas, i Tenores di Neoneli…

Un libro veramente interessante frutto di un’impegnativa e faticosa ricerca, ottimamente documentata da parte di Marco insieme e con Roberto MIlleddu, Roberto Caria, Diego Pani e Luigi Oliva che, disponendo di elevate competenze specifiche danno al libro una superiore qualità di scrittura, di comunicazione, di analisi etnografica e musicologica, di riflessione teologica e di riconoscimento dei valori della tradizione, del culto e devozione della Madre di Dio, così intimamente sentito e percepito dai Sardi che, lo sottolineo, in tutte le occasioni religiose e civili ricorrono a questa canzone.

MI ha colpito molto, a proposito della diffusione della nostra Ave Maria, un episodio verificatosi a conclusione dell’evento, quando ho accompagnato i due protagonisti all’Istituto Maria Ausiliatrice delle Suore Salesiane per il loro pernottamento. Un episodio che ci ha riempito di gioia e soddisfazione: mentre Marco e Ottavio compilavano i fogli necessari all’ingresso, vicino a una bella statua della Madonna, mi sono rivolto a  Suor Fides, la superiora di origine straniera: loro sono gli artisti che oggi al Gremio hanno presentato un libro dedicato alla Vergine Maria, dal titolo Deus ti salvet Maria. Lei con un enorme e dolce sorriso: ma è la preghiera che cantiamo tutti i giorni! Sa, da noi c’è anche un bel gruppetto di sorelle sarde.

A quel punto io, Ottavio e Marco… ci siamo illuminati d’immenso . .. sardo orgoglio!

Ed io ho promesso una copia del libro a suor Fides che le porterò al più presto.

Un commento su “GRANDE SERATA AL GREMIO DEI SARDI DI ROMA CON “DEUS TI SALVET MARIA”, LA CANZONE RELIGIOSA PIU’ AMATA NELL’ISOLA PRESENTATA E COMMENTATA DA OTTAVIO NIEDDU E MARCO LUTZU”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.