TRE ANNI FA LA SCOMPARSA DELL’OZIERESE ROMINA MELONI, VITTIMA DI IN FEMMINICIDIO. IL RICORDO DI CHI LA CONOSCEVA

Romina Meloni

di MARIA VITTORIA DETTOTO

Sini fece irruzione nella casa nella quale la donna viveva insieme ad il suo nuovo fidanzato.

Sini sparò con una pistola prima contro la Meloni, raggiunta al collo da un unico proiettile che le è stato fatale, successivamente rivolse l’arma contro il nuovo compagno della Meloni, Giuseppe Fois,  raggiunto da un proiettile al cervello. Dopo quasi un mese di coma, l’uomo si è salvato ma non ha mai perdonato Sini, che è stato condannato all’ergastolo accusato di omicidio e tentato omicidio.

Romina Meloni è una delle oltre 350 donne vittime di femminicidio dal 2019 ad oggi.

La sua morte ebbe un forte eco mediatico, ma oggi, cosa resta di quell’omicidio?

Le fiaccolate, le parole di vicinanza al figlio della donna ed alla famiglia, sono un lontano ricordo.

Romina non c’è più. Vittima della follia di un uomo che non accettava la nuova relazione della donna con un altro.

Nel frattempo ci sono state una, dieci, cento, trecento cinquanta Romina.

E nonostante la legislazione italiana ha approvato il codice rosso che implica un inasprimento delle pene per gli assassini, le donne continuano a morire.

Spesso, anche dopo aver denunciato in precedenza, il loro carnefice, perché mentre si invitano le donne a denunciare, dall’altra parte le stesse denunce vengono spesso archiviate e neanche tenute in considerazione.

Si piange solo quando si arriva all’omicidio.

Nel frattempo, anche chi vede, ascolta e sa, tace.

Un comportamento omertoso e complice che giustifica spesso la violenza di genere e paradossalmente arriva persino ad accusare la vittima per “essersi cercata la morte”, a seguito di comportamenti inadeguati o provocatori portati avanti nel tempo, che sfociano nel loro stesso omicidio.

C’è ancora tanto da fare a riguardo.

In primis, cambiare la mentalità della società che ancora oggi giudica e critica le donne libere o libertine, pensando che una scollatura troppo pronunciata, una minigonna troppo corta, un passare troppo spesso da un uomo all’altro, possano essere fattori che in qualche modo provocano e peggio giustificano parole o atto violenti contro di loro.

Non è bastata la morte di Romina Meloni per cambiare questa mentalità. Non sono bastati gli altri trecento femminicidi accaduti in Italia dopo il suo, drammaticamente aumentati durante la pandemia, a causa della convivenza forzata tra le mura domestiche, delle coppie.

Quante Romine dovranno ancora morire, prima che le cose possano davvero cambiare, gli assassini paghino per i loro delitti e le donne possano vivere la loro vita ed i loro amori in modo libero e sereno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.