GRANDE BATTAGLIA SUL PARQUET DI BRESCIA CHE S’IMPONE ALLA DISTANZA SU SASSARI PER 97-86

Logan

La Dinamo Banco di Sardegna si arrende al termine di una battaglia di 40’: il calendario del campionato mette sul cammino degli isolani una delle squadre più in forma del campionato. Al PalaLeonessa il Banco, che ritrova coach Piero Bucchi rientrato dopo la positività al Covid, parte bene piazzando il primo break del match, ma Brescia mette la testa avanti, lavorando bene a rimbalzo, condotta da Mitrou-Long e Della Valle. Nel secondo quarto dopo essere stata sotto di 11 la compagine isolana costruisce la rimonta con un parziale da 23-7, Brescia però accorcia e il primo tempo si chiude avanti di misura per Devecchi e compagni (42-43). Nel secondo tempo sono 20’ di battaglia e grande equilibrio sul parquet: fino a 3’ dalla fine, quando sull’81 pari Petrucelli conduce la Germani avanti con il break decisivo. La Dinamo cede alla Leonessa che infila la quinta vittoria consecutiva, a dimostrazione dell’ottimo momento di forma, ma si prepara a fare rientro sull’isola e focalizzarsi sul prossimo impegno. Domenica l’appuntamento è al PalaSerradimigni con il match contro Brindisi valido per la 3°giornata di ritorno.

Coach Piero Bucchi ritorna in panchina e manda in campo Robinson, Burnell, Bendzius, Gentile e Diop, Brescia risponde con Gabriel, Mitrou Long, Petrucelli, Della Valle e Burns. Della Valle apre la sfida dalla lunetta monetizzando il primo fallo di Diop, la Dinamo infila i primi punti con Diop: Della Valle porta i suoi sul 4-2 ma ci pensa Kruslin a riportare la parità. Il Banco si accende con Robinson dall’arco e mette la testa avanti con il contropiede di Bendzius: break di 7 punti ed è 4-10. Brescia si sblocca con Mitrou-Long, Robinson bombarda dall’arco e Della Valle risponde. Brescia si riporta a contatto con un controbreak di 8-2. Il secondo fallo di Burnell apre la girandola dei cambi: dentro Devecchi, Logan e Mekowulu. Il Professore punisce dai 6,75, ma i padroni di casa sono in fiducia e mettono la testa avanti con Mitrou-Long (8 pt) e Della Valle. Gentile prova a sbloccare i sassaresi che però patiscono il gap a rimbalzo, 11 a 3, e il primo quarto si chiude 26-20. I padroni di casa restano in controllo e firmano il +11 trascinati dalle prestazioni balistiche di Laquintana (31-20); ma il Banco con pazienza risale la china e costruisce un parziale da 20-7: ad accendere i sassaresi Logan e Diop, poi due bombe di fila di Filip Kruslin e la tripla di Robinson che sigla il sorpasso (38-40). Timeout Brescia. I biancoblu allungano di altre tre lunghezze, la Germani si sblocca con Moore e Mitrou-Long e il primo tempo si chiude 42-43. Nei primi 20’ la Dinamo si riporta in partita con più solidità a rimbalzo (12-8 per i sardi nel secondo quarto) e 6 recuperi. È Diop il protagonista dell’avvio della terza frazione, seguito da Bendzius: si apre la sparatoria dall’arco, botta e risposta tra il lituano e Della Valle. Benji firma il nuovo sorpasso sassarese, canestro and one di Diop che si porta a quota 11 mentre spiccano i 7 assist di Robinson. Della Valle infila altre due bombe e coach Piero Bucchi ci vuole parlare mentre il tabellone dice 61-57. Mekowulu monetizza il fallo di Laquintana e riporta i suoi a un possesso di distanza, il primo canestro del match di Burnell dice -1 ma Burns allunga dalla media. La Dinamo soffre a rimbalzo in attacco mentre Laquintana con la terza tripla della sua partita prova ad allungare, Gentile però risponde dall’arco. Il Professore impatta con la bomba del 69 pari ma la prodezza di Burns dai 7 metri al 30’ chiude il terzo quarto 72-69. Storie tese tra Burnell e Moss quando iniziano gli ultimi 10’, ma la Dinamo ha nel tiro da fuori l’arma in più con il 60% (15/25): Logan (17 pt con 5/8 all’arco) e Bendzius firmano il sorpasso isolano (76-78). Della Valle sigla la parità, Cobbins sblocca il risultato a cronometro fermo e quando mancano 5’ è 80-78. Il quinto fallo chiude la partita di Diop, costretto alla panchina, ed è timeout per il Banco. Bendzius riporta i suoi in parità con la quarta bomba del suo match, Mitrou Long risponde con la stessa moneta. Brescia trova il break con un decisivo Petrucelli, i lombardi sono bravi a sfruttare le seconde occasioni dominando a rimbalzo in attacco (12): con 11-5 la Germani è avanti 92-85 con 90’’ da giocare.  La persa di Kruslin spegne le speranze della Dinamo che si deve arrendere a una Brescia in forma strepitosa 97-86.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.