RICORDO IL 26 SETTEMBRE DEL POETA ANTONI PALITTA A CENTO ANNI DALLA NASCITA (PATTADA, 1921- 2003)

di GIANRAIMONDO FARINA

Domenica 26 Settembre Pattada si riconfermera’ capitale della poesia sarda. In questo ridente e laborioso centro del Monte Acuto, alle pendici del Monte Lerno, famoso per aver dato i natali, fra gli altri, ad alcuni dei piu’ illustri esponenti della poesia “in limba” come padre Luca Cubeddu (1748- 1828), Giovanni Maria Demela “Pisurzi” ( Bantine, 1707- 1796) e Giovanni Maria Asara “Limbudu” (1823- 1907), grazie all’iniziativa ed all’impegno dell’infaticabile amico e poeta Lussorio Cambiganu, si rendera’ omaggio, solennemente, ad un altro grande della poesia nostrana, Antoni Palitta. Originario di Pattada, autodidatta, contadino di professione, si è sempre distinto per il suo coinvolgimento attento nelle tematiche e nei problemi isolani. Ha collaborato al giornale “La Nuova Sardegna” ed alla rivista letteraria “S’Ischiglia”. Le sue poesie sono inserite nell’Antologia dei nuovi poeti dialettali curata da Guido Miano. In lingua sarda, nella variante di un logudorese purissimo e molto musicale ha composto versi di grande pregio, con cui ha ottenuto i massimi riconoscimenti nelle varie edizioni del Premio Città di Ozieri; tra questi, un

diploma d’onore fuori concorso nel 1959, il quarto premio nel 1961, il terzo nel 1962, il primo nel 1963 e due premi speciali della giuria. Il programma della giornata, molto ricco, denso e sapientemente strutturato, avra’ fra i relatori gli scrittori e studiosi della lingua sarda Angelo Carboni, Giuseppe Demontis, Bruno Sini ed il giornalista Luciano Piras. Sara’, altresi’, presente Giancarlo Casula, nipote del grande poeta desulese “Montanaru”, scrittore e presidente del museo del premio letterario “Montanaru”. Sempre per l’occasione, a cura di Lussorio Cambiganu, sostenuto dal Comune di Pattada, dalla Pro Loco e dalle parrocchie S.Sabina di Pattada e S. Giacomo di Bantine, una splendida raccolta di poesie scritte in onore di Palitta dall’emblematico titolo SA OGHE DE S’ANIMA.

Sempre per gentile concessione dell’organizzazione, pubblichiamo, di seguito, il programma in lingua sarda, arricchito da una delle piu’ belle poesie di Antoni Palitta, “Messende”.

PROGRAMMA PRO SU CHENTENARIU DAE SA NASCHIDA DE ANTONI PALITTA POETA.

Su 26 de Cabidanni (dominiga sero a sas 6), in Patada, cinema de Santa Rughe.

Sa PRO LOCO  De Pattada

chin s’amparu de sa parrocchia de Santa Sabina de Patada e Santu Giagu de ‘Antina e de s’ Amministrascione Comunale de Patada presentat s’ impreu de Lussorio (Rino) Cambiganu:

SA ‘OGHE DE S’ANIMA

(Chentenariu dae sa naschida de Antoni Palitta)

Programma

17,00

Deposiscione de fiores in sa losa.

17,30

Iscobelta de una targa cummemorativa  de s’iscultore Antonino Ruggeri  ,in sa fatzada de domo sua de naschida, in via Dante, chin sa presentzia de sas autoridades e de Babbai Letore don Pala, chi at a impartire sa beneiscione.

18,00

in su cinema de Santa Rughe.

Ant a faeddare:

Babbai letore de sas parrocchias Don Pala

Su sindigu de Patada Angelo Sini

Reladores:

Angelo Carboni  Cappiali (iscrittore e già amigu de su poeta)

Giuseppe Demontis, (dutore, iscritore e già amigu de su poeta)

Brunu Sini  (istudiosu e iscritore de istoria e literadura sarda) intervistat a

Luciano Piras  (giornalista caposervizio de sa Nuova Sardegna, iscritore e poeta)

Ant essere presentes e intervistados:

Giancarlo Casula, iscritore e Presidente de su Museu e Premiu Literariu “MONTANARU” (nonnu sou), su cale fit amigu e currispuntente de A. Palitta.

Luca Mauritziu Atzori, dr in literas moderna, laureadu chin sa tesi in limba sarda “Padre Luca in sa terra de sa poesia” in Casteddu.

Boghes declamadoras:

Carmela Arghittu  

Gianni Delogu  

Ant a musicare e  cantare poesias de Palitta:

Su Tenore Santu Giuanne de Patada.

PRO INTRARE EST DE OBBRIGU SU CERTIFICADU BIRDE “green pass”.

MESSENDE

Bestidu ’e carignos de fogu

tamba tamba camino

subra ’e bragias azzesas.

Sa falche,

rugia,

paret messende fi amas,

e-i sa funtana

hat piantu s’ultima lagrima.

No unu puzone in sos chelos,

no una colora in sos fenos:

o sun cottos arrustu

o, zegos,

si che sun bettados in mare.

Eo puru,

guasi maccu,

so pro abboigare

chi essan a mesudie sos isteddos.

3 risposte a “RICORDO IL 26 SETTEMBRE DEL POETA ANTONI PALITTA A CENTO ANNI DALLA NASCITA (PATTADA, 1921- 2003)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *