IL PROGETTO “CANTICO DEL MARE” CON LA VOCE DI MANUELA RAGUSA E LA CHITARRA DI MARIO PIERNO

Il progetto Cantico dal Mare nasce nel 2018 con l’unione di due artisti di background differenti: 

Manuela Ragusa, la voce: parte dal Teatro, infatti dal 2011 si esibisce con varie compagnie e associazioni culturali come attrice freelance; ma non solo, canta per 8 anni come “boghe di punta” nel coro Actores Alidos (partecipando come corista nel tour di Vinicio Capossela) per poi immergersi, nel pop, rock, in musical e sperimentazioni vocali con loopstation. Ad oggi frequenta il corso di canto lirico al Conservatorio di Musica di Cagliari.

Mario Pierno, chitarrista: a 18 anni inizia a esibirsi come musicista da strada, successivamente frequenta il Conservatorio di musica di Cagliari nel corso “musica e nuove tecnologie”, poi comincia a lavorare come tecnico del suono, operatore streaming, video-maker per varie associazioni culturali, service e teatri. Ma non abbandona mai la musica, entra a far parte di vari gruppi musicali spaziando dal genere funk al progressive, dal rap all’hard-rock, creando anche colonne sonore inedite in vari cortometraggi.

Ed è quando questi due mondi, apparentemente distinti, si incontrano che nasce questo progetto dal nome “Cantico dal Mare”. Tramite l’utilizzo della poesia musicale Sarda, Siciliana e Napoletana (di cui i due artisti sono originari), si vuole creare un dialogo tra diverse culture del Mediterraneo. Con l’ausilio di strumentazioni moderne, sonorità etniche, oltre che tradizionali, si attua un recupero identitario capace di sottendere la musica del passato e del presente.

Così, dopo un primo anno di studio, nel 2019, questo progetto si trova a partire per Roma, dove alla presentazione del libro su Maria Carta di Giacomo Serreli si esibisce in una versione tutta in sardo; ma non solo, nello stesso anno, a distanza di poche settimane, rappresenta la Sardegna alla fiera dell’artigianato al RHO di Milano, collaborando con altri artisti selezionati dalla Fondazione Maria Carta, oltre che con alcuni musicisti, provenienti da altri paesi, incontrati in loco.

Nei primi mesi del 2020 creano un videoclip con un arrangiamento originale del brano “Deus Ti Salvet Maria” dedicato a tutte le donne vittime di violenza, avvalendosi di un videomaker al femminile, Viviana Mura.

Sempre nello stesso anno dopo essere stati invitati a partecipare all’evento “Freemmos” svoltosi a Monteleone Rocca Doria, trasmesso in diretta su Videolina, gli artisti di Cantico dal Mare si dedicano all’incisione del loro primo disco, che avrà una prima presentazione a Luglio durante un evento organizzato dalla compagnia “Il Crogiuolo” che successivamente diverrà coproduttrice del progetto.

A fine Agosto prendono parte allo spettacolo “Città d’acqua” per la rassegna “Notti Colorate” a Cagliari organizzata e prodotta da Rita Atzeri.

Durante la pandemia realizzano diversi videoclip; tra i più importanti: “Duas e Tres”, registrato in una vecchia casa campidanese; “Barba Blu di Petralia”, con la collaborazione del Teatro Tages e del musicista siciliano Davide Campisi, girato nel suggestivo paesaggio della Sella del Diavolo con la partecipazione di “Flymedia creative drone service” ; “A Badda’” con la speciale performance del rapper Davide Stilo, girato in vari territori nuragici e ambientazioni sarde.

Bella ci dormi

Si tratta di una serenata Salentina che l’innamorato canta alla sua amata, rivisitata e riarrangiata con un mood Spagnoleggiante

Tutto il video è influenzato dall’ arrangiamento Caldo-Spagnolo di Mario Pierno. Siliqua è un paese che è stato sotto il dominio spagnolo e ne ha tratto maggiori influenze, Il sito è stato scelto come uno splendido compromesso tra quello che è il selvaggio della natura e l’eleganza e la potenza delle mura del Castello, contrasto che si ripercuote sui due personaggi principali, due guerrieri, due amanti che si inseguono tra amore e odio; Lo stesso sentimento che possiamo trovare fra torero e toro, un amore e odio che porta alla morte “fino a morire” un desiderio nell’altro e dell’altro.

La figura femminile è insolitamente rapportata alla figura del Toro, selvaggio, indomabile ma potente, “un femminile” che riprende il matriarcato Sardo, rafforzando così il concetto di Donna, in contrasto ed equilibrio con una figura Maschile imponente ed elegante che cerca di sottomettere; provocando solo una lotta che diviene danza nella giostra di equilibri tra Selvaggio e Rigoroso, Donna e Uomo.

Il tutto contornato da Satiri, spiriti del Castello mascherati da “Boes” sardi che dirigono il gioco orchestrando la musica della passione.

Il videoclip è girato nel Comune di Siliqua nel sito del Castello di Acquafredda, con l’aiuto dell’operatore Davide Manca, proprietario dell’azienda Flymedia – Creative drone services Matteo Pitzalis Presidente della Società e Cooperativa Antarias , Gestione servizi culturali del Domo Andesitico di Acquafredda E con l’aiuto logistico di Dario Prisco, Milena Sanna, Sofia Prisco. I costumi sono a cura di Rea Lucia

l’Arrangiamento, mix e mastering è interamente realizzato da Mario Pierno

Il montaggio è stato realizzato interamente da Minotauro Production, mentre la regia è di Manuela Ragusa.

VIDEOCLIPBella ci dormi:

Una risposta a “IL PROGETTO “CANTICO DEL MARE” CON LA VOCE DI MANUELA RAGUSA E LA CHITARRA DI MARIO PIERNO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *