SARDI NEL MONDO E COVID-19: UN VIDEO-DIARIO CON FILEF NUOVA EMIGRAZIONE

C’è Mario Agus, dall’Olanda, poi Jorgelina Puggioni, Magalì Misses, Giovanni Nicolo, Giovanna Signorini, Veronica Pani, Marianella Signorini e Monica Faedda dall’Argentina. Poi ancora Fausto Zanda, dall’Australia, ma anche Vladimiro Lami, dal Perù, Marzio Melis, da Malta, e ancora Marcello Tronci dagli Stati Uniti e Angela Cherchi dall’Inghilterra.

Un video diario della pandemia realizzato durante il primo lockdown del 2020. Lo presenta la Filef (federazione italiana lavoratori emigrati famiglie) Sardegna. Il progetto si chiama TEST (testimonianze emigrati sardi transnazionali) e contiene testimonianze dall’Australia agli Stati Uniti d’America, dall’Argentina all’Inghilterra.

Gli occhi degli emigrati sardi nel mondo hanno permesso di raccontare senza filtri come cambia la vita di tutti i giorni: le abitudini domestiche, le misure restrittive messe in campo dagli Stati, gli effetti su lavoro e tempo libero, contagi e vittime, come cambia la vita del circolo e quali aspettative hanno rispetto alla Sardegna. L’idea è nata quando la Filef Sardegna ha pensato un altro modo per raccontare quello che avveniva, soprattutto per il futuro, nell’incertezza di un ritorno alla propria terra di origine che per tantissimi non è avvenuto nel 2020 e che si spera possa accadere in occasione delle vacanze estive del 2021.

Tutto ciò è stato possibile attraverso un’ampia condivisione dell’idea supportata e finanziata dalla Regione Sardegna nell’ambito delle attività annuali che vengono programmate per la valorizzazione dei circoli sardi nel mondo e per la diffusione della cultura sarda.

“Un diario del mondo per lasciare una testimonianza, per diffonderla in Sardegna e tra i circoli sardi nel mondo per farci sentire anche nelle difficoltà una comunità che affronta il problema, ognuno a modo proprio in base ai provvedimenti degli Stati, alla conta delle vittime e alla voglia di ripartire ma con la consapevolezza che la condivisione delle preoccupazioni o delle buone passi sia parte del racconto e del comune sentimento che non recide le radici con la Sardegna ma ancora una volta le rinnova, le rinvigorisce” ha dichiarato Cristina Oggiano Presidente della Filef Sardegna.

Per produrre questo materiale è stato chiesto ai contatti nei circoli e tra l’emigrazione non organizzata di produrre un breve video di pochi minuti, ciascuno dei quali è stato inizialmente pubblicato nel profilo Instagram Filef Sardegna. Successivamente la fase di montaggio ha permesso di produrre il video che dura poco meno di un’ora con 13 testimonianze e un’età compresa tra i 30 e i 70 anni e che sarà disponibile da oggi pomeriggio sul canale You Tube Filef Sardegna (https://www.youtube.com/channel/UCvqmcn47c7iux7_H8BylCbA), dopo la presentazione dello stesso che avverrà in diretta sulla piattaforma Zoom con la presidente Oggiano e alcuni protagonisti del video.

Il progetto realizzato con il contributo della Regione Sardegna vedrà un secondo atto con un nuovo giro di testimonianze nel 2021 per raccontare la seconda ondata, l’arrivo dei vaccini e gli effetti nel medio periodo di questa pandemia. La FILEF (Federazione Italiana Lavoratori Emigranti e Famiglie) è una delle principali organizzazioni associative dell’emigrazione e dell’immigrazione.

Ad essa aderiscono circa 300 singole associazioni presenti in Italia e nei maggiori paesi di emigrazione italiana. In Sardegna offre un servizio culturale, di assistenza, di formazione e di informazione ideato e prodotto dal Direttivo Regionale Sardo rivolto agli emigrati dalla Sardegna come agli immigrati, con il patrocinio dell’Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale della Regione Autonoma della Sardegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *