UN BUON CAGLIARI ESCE SCONFITTO IN EMILIA DAL BOLOGNA PER 3-2

Il Cagliari esce sconfitto dalla gara di Bologna. 3-2 per i padroni di casa, in una partita appassionante, scoppiettante e ricca di gol. La squadra di Di Francesco ha offerto una buona prova sul piano del gioco, è andata due volte in vantaggio ma si è dovuta arrendere alla serata al tiro degli attaccanti bolognesi: Barrow, doppietta, e Soriano, hanno cavato fuori dal cilindro tre micidiali conclusioni dalla distanza, imparabili anche per un Cragno in serata di grazia. Al Cagliari non è bastata la conferma della vena realizzativa della coppia d’oro, Joao Pedro-Simeone, in gol anche oggi. Se c’è un rammarico è quello di non avere saputo gestire nel modo ideale il secondo vantaggio siglato al 1′ della ripresa; il Bologna l’ha capovolta nel giro di quattro minuti e la disperata e generosa reazione del Cagliari vivacizzato dall’ingresso di Ounas è stata vana.

Di Francesco conferma la stessa formazione schierata domenica scorsa contro il Crotone.

Cagliari subito intraprendente: dopo un tiro di Rog, alto, al 4′ Nandez affonda sulla destra, intelligente retropassaggio per Joao Pedro, il tiro è angolato e teso, Skorupski para in tuffo. Ancora una combinazione sulla catena di destra, tra Zappa e Nandez, manda al cross basso l’uruguayano, Joao Pedro è anticipato all’ultimo.

Primo squillo del Bologna all’8′, tiro di Barrow dopo scambio con Palacio, Cragno è pronto all’intervento.

Cagliari di grande personalità, fa gioco uscendo bene dal pressing bolognese. Al 14′ la squadra di Di Francesco passa all’inganno: l’azione si dipana sulla trequarti con una serie di tocchi rapidi, Joao Pedro allarga per Sottil, il cross dalla sinistra dell’attaccante dell’Under 21 è ancora per il 10 che tocca al volo e supera Skorupski. Un gran bel gol, il 46° in A per lui (secondo assoluto alle spalle di Gigi Riva), il quarto in questo campionato, alla presenza numero 150 nella massima serie.

Replica bolognese al 18′: punizione di Orsolini dalla destra scagliata direttamente in porta, Cragno coi pugni si oppone mandando in angolo.

Il Cagliari interpreta bene la partita, precisi i cambi gioco, sapiente il possesso palla. Il Bologna però non sta a guardare: alla mezz’ora botta di Svanberg mandata in angolo da Cragno. Poi è Soriano, da ottima posizione, a schiacciare di testa fuori.

Cragno è ancora una volta in serata, al 35′ vola sulla sua sinistra per togliere dall’angolino una conclusione secca di Palacio. Al 39′ angolo di Orsolini, sponda di Soriano, Danilo ciabatta il tiro di esterno, palla larga.

Il pareggio arriva al 44′ ed è un capolavoro di Barrow che riceve da Soriano sulla sinistra, si accentra e spara un bolide sotto l’incrocio dei pali, imprendibile stavolta per Cragno.

Il primo tempo termina sull’1-1.

Inizio della ripresa scoppiettante: colpisce subito il Cagliari, da Nandez a Joao Pedro, suggerimento per Zappa che rientra su Svanberg, assist a rimorchio per Simeone, la conclusione di destro del Cholito dall’interno dell’area è una sentenza, Skorupski tocca ma non può fermare la traiettoria che si infila nell’angolo. Per Simeone è il quinto gol in campionato.

Al 51′ provvidenziale uscita bassa di Cragno a precedere Barrow. Passano trenta secondo e il Bologna pareggia, è Soriano che avanza palla al piede sulla trequarti e da fuori area infila l’angolo lontano con un tiro non fortissimo ma preciso.

Al 55′ lancio di Lykogiannis per Simeone, fuga dell’argentino e cross per Nandez, Skorupski a valanga chiude lo specchio impedendo il tiro del 18 del Cagliari.

Al 56′ il Bologna mette la freccia: Barrow parte da sinistra per accentrarsi e fare partire una rasoiata precisa, anche qui Cragno non può farci nulla.

Primo cambio operato da Di Francesco al 62′, con Ounas che rileva Sottil: il franco-algerino si posiziona sul versante destro, Nandez passa a sinistra.

Al 67′ Orsolini serve Barrow con un tocco raffinato, botta secca, Cragno respinge.

Doppia sostituzione nel Cagliari al 70′: Faragò e Pavoletti per Zappa e Simeone. I cambi danno nuova freschezza, la squadra si rovescia in avanti. Subito pericoloso Leo, quando si tuffa di testa per incornare un invitante cross di Ounas, disperata chiusura di Danilo in angolo. Ancora i due in evidenza, fuga di Ounas e cross basso per Pavoletti, il tiro di prima intenzione termina fuori.

Sempre Ounas al 79′ fa valere la sua velocità su assist di Joao Pedro, cerca Pavoletti, Skorupski in tuffo manda in angolo con una mano. Poi Nandez dietro per Joao Pedro, tiro piazzato, respinto da un difensore.

Mijahlovic si copre, inserisce Denswil e Dominguez per Palacio e Svanberg, il Bologna passa a cinque in difesa. Di Francesco gioca la carta Cerri, gli fa posto Marin.

Una punizione di Orsolini si perde sul fondo. Entra Vignato al posto di Barrow all’88’.

L’arbitro assegna cinque minuti di recupero. Si va avanti a ritmo spezzettato, il Bologna rallenta ad arte, il Cagliari ci prova sino all’ultimo, anche cercando le palle lunghe per Cerri e Pavoletti. L’ultima, scagliata da Lykogiannis raggiunge Cerri che però non riesce a trovate lo spazio per il tiro e commette fallo in attacco.

Finisce così, il Cagliari resta a quota 7 in classifica: sabato alla Sardegna Arena arriva la Sampdoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *