IL CAGLIARI CON IL SASSUOLO PRIMA SOFFRE E POI RISCHIA DI VINCERE: UN BUON PARI 1-1 IN EMILIA

il gol di Simeone al Sassuolo

Parte bene il Cagliari nel nuovo campionato di Serie A.

Al Mapei Stadium di Reggio Emilia i rossoblù hanno imposto il pari casalingo al Sassuolo: 1-1, con gol di Simeone e pareggio di Bourabia, tutto nell’ultimo quarto d’ora. Tutto sommato risultato giusto: il Cagliari ha sofferto all’inizio il gioco dei padroni di casa, orchestrato da Locatelli e calibrato su rapidi cambi di campo sulle fasce; ma superato il momento difficile, è uscito alla distanza, ha saputo creare le sue buone occasioni e trovate le misure, ha piazzato il colpo vincente con un colpo di testa di Simeone, pescato in area da Joao Pedro. L’impresa di portare a casa i tre punti è svanita solo grazie ad una magistrale punizione di Bourabia ad una manciata di minuti dalla fine.

Un esordio comunque incoraggiante dei rossoblù: al di là del punteggio finale, la squadra ha mostrato carattere, personalità e, soprattutto nella ripresa, trame interessanti e incisive.

 Nel Cagliari davanti a Cragno il poker di difesa, partendo da destra, è composto da Faragò, Walukiewicz, Klavan, e Lykogiannis; in mezzo giostrano Caligara, Marin e Rog; tridente d’attcco con Nandez, Simeone e Joao Pedro.

 Primo tiro della partita dopo nemmeno 55”, è di Locatelli da fuori area, deviato in angolo dal tocco di un difensore. Batte Berardi dalla bandierina, salta Ferrari, colpo di testa alto. Al 3’ iniziativa di Haraslin, che parte dalla sinistra per convergere al centro, il tiro è facile preda di Cragno.

Il Sassuolo imprime un ritmo alto alla gara, sfruttando palleggio e rapidità di circolazione. Al 4’, dopo una respinta di testa di Lykogiannis, gran destro al volo di Berardi dai venti metri, pallone che sibila insidioso accanto al palo destro della porta di Cragno. All’8’ Haraslin calcia direttamente in porta una punizione da posizione laterale, la traiettoria sembra nello specchio, Faragò ci mette la testa deviando provvidenzialmente in angolo. Al 10’ ci prova Caputo, servito in profondità da Locatelli, l’attaccante neroverde colpisce malissimo il pallone che termina addirittura in fallo laterale. Un minuto dopo ancora Caputo in piena area riceve un pallone dalla destra da parte di Toljan, destro fiacco, Cragno para a terra. Al 13’ nuova conclusione dalla distanza di Locatelli, Cragno è sicuro in tuffo.

 Stringono i denti i rossoblù, piano piano riescono ad uscire dalla morsa e a organizzare contrattacchi nella metacampo avversaria. Al 22’ punizione dalla grande distanza di Lykogiannis, nessun problema per Consigli. Pericolosa incursione di Rog al 28’, il croato penetra ina area ma non riesce a trovare il tempo per il tiro, chisuo dai difensori emiliani.

Alla mezz’ora si rifa vivo il Sassuolo, Haraslin salta Faragò, sinistro che si perde sopra la traversa.

Al 36’ Joao Pedro cerca di piazzare il pallone nell’angolo lontano da fuori area, Consigli blocca sicuro.

Botta di Berardi su punizione dai venticinque metri, Cragno sorveglia tranquillo il pallone passare non distante dall’intersezione dei legni.

 Cagliari vicinissimo al gol al 43’: bello schema su angolo che lancia Joao Pedro all’interno dell’area, spostato sulla destra, cross in corsa del brasiliano, Klavan alza il pallone con l’anca per Simeone, intelligente colpo di testa a spiovere a cercare l’angolino alto, fuori di un niente.

Dalla parte opposta, Cragno è decisivo ad opporsi ad un colpo di testa di Haraslin su cross dalla destra di Berardi.

Nel secondo dei tre minuti di recupero, bel lancio di Joao Pedro per Nandez che fa rimbalzare il pallone, destro teso, di poco alto. Poco dopo ancora i rossoblù pericolosi: cross di Faragò sul quale si alza Simeone, pregevole la deviazione di testa che sfiora il palo. Su quest’azione l’arbitro Marinelli fischia la fine del tempo: meglio il Sassuolo nel primo quarto d’ora, gara più equilibrata da li in avanti col Cagliari che ha saputo costruire un paio di buone occasioni per segnare.

 Dopo l’intervallo Di Francesco inserisce Pisacane al posto di Klavan.

Al 48’ bella uscita di Cragno che chiude lo specchio su Caputo che si era liberato di forza di Nandez. Risposta rossoblù al 50’, la staffilata di Nandez scalda le mani a Consigli. La seconda parte è molto più equilibrata, il Cagliari riesce ad uscire bene fuori in palleeggio, con fraseggi rapidi e stretti.

Al 57’ fiondata di Obiang, Cragno è ancora attento in tuffo. Capovolgimento di fronte con Simeone e Nandez che seminano il panico nei pressi dell’area, l’uruguayano cerca di entrare palla al piede, fermato all’ultimissimo momento.

 Dopo un’ora di gioco, problemi fisici per Rogerio: l’esterno sinistro brasiliano deve lasciare il posto a Kyriakopulos. Entrano anche Bourabia e Defrel per Obiang e Haraslin.

Nel Cagliari dentro Zappa per Caligara. Faragò avanza a centrocampo mentre il nuovo entrato si piazza nella sua posizione di esterno destro di difesa.

Al 65’ azione in verticale dei padroni di casa, cross basso di Kyriakopulos, primo tiro di Caputo respinto da Walukiewicz, riprende ancora Capito, sinistro nettamente fuori misura.

La partita cala di intensità, il Sassuolo continua a tessere la sua tela fitta di passaggi, il Cagliari ha preso le misure e tiene bene. Berardi al 74’ sfiora l’incrocio dei pali con un tiro a giro dalla sua mattonella.

Nuova sostituzione nel Sassuolo al 75: Muldur per Toljan. Foize fresche anche nel Cagliari: Di Francesco manda dentro Oliva e Sottil al posto di Marin e Rog. Nandez scala a centrocampo per lasciare il posto di esterno di attacco destro a Sottil.

Al 77’ il Cagliari passa in vantaggio: percussione centrale di Nandez, che allarga sulla sinistra per Joao Pedro, perfetto il cross del brasiliano a pescare Simeone nel cuore dell’area tra i difensori centrali neroverdi: Giovanni di testa non può sbagliare, il colpo di testa a schiacciare supera Consigli.

Furiosa la reazione del Sassuolo, Caputo si trova davanti a Cragno, in sospetta posizione di off-side, bravissimo il portiere ad opporsi in uscita bassa.

All’81’ Oliva lancia Faragò, tiro debole e fuori misura. Passano trenta secondi, Nandez approfitta di un errore in uscita di Chiriches, assist per Simeone, pallonetto vincente, ma l’argentino stavolta è in netta posizione di fuorigioco, gol giustamente annullato.

All’87’ arriva il pareggio: punizione da fuori area di Bourabia che scavalca la barriera e si infila alle spalle di Cragno.

Subito un altro cambio per Di Francesco: Tripaldelli per Joao Pedro.

Il Sassuolo insiste. Al 94’ Locatelli serve un pallone in area, Pisacane è bravo a precedere Caputo in angolo intervenendo in spaccata.

Ultimo cambio nel Sassuolo, Ayhan per Djuricic. Il Cagliari si chiude a riccio, soffre ma alla fine porta a casa un buon punto.

Sabato prossimo alla Sardegna Arena arriva la Lazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *