SARDOS SEMUS FINTZAS NOIS / SARDI SIAMO ANCHE NOI. CANTO DEI SARDI EMIGRATI

testo di PAOLO PULINA; musica di ANTONIO CARTA; arrangiamenti di SANTI ISGRÒ

«“Sardos semus fintzas nois” rappresenta la sintesi delle aspirazioni dei Sardi “di fuori” a voler essere partecipi-protagonisti della crescita dell’Isola.

Paolo Pulina, nato a Ploaghe, dopo il Liceo “Azuni” a Sassari e dopo l’Università a Milano, dagli inizi degli anni Settanta risiede in provincia di Pavia;  è impegnato dagli anni Ottanta nel mondo dell’emigrazione sarda organizzata.  Con questo testo, valorizzando gli strumenti espressivi identificati e riconosciuti nella limba-madre  nella variante logudorese, stimola alla costruzione di una società più umana e afferma il ruolo del linguaggio poetico come mezzo di promozione civile, sociale e culturale». (Cristoforo Puddu)

Sardos semus fintzas nois

Sardos semus fintzas nois

chi vivimus fora ’e  sa Sardigna,

sardos semus comente bois

ch’ istades in terra benigna.

Sa  traversada de su mare                                               

pro istudiu o netzessitade

no nos at fattu immentigare 

sa ’idda nostra o zittade.

Faghimus ’ider  de  sa terra nostra

tzivilitade, cultura e istoria;

ivvilupamus s’economia ’ostra

e proite? Solamente pro sa gloria.

Non est pius tempus de disimperu,

de sos primos annos de ifferru,

hamus fraigadu in tottue, abberu,

un’ istadu non pius de isterru.

Sardos semus fintzas nois

chi vivimus fora ’e  sa Sardigna,

sardos semus comente bois

ch’ istades in terra benigna.

Non pedimus assistentzia

ma d’esser tennidos presentes;

de nois  ischire, esperientzia

agiuana  sos residentes.

Ogni  Circulu  ammentat raighinas:

Grazia Deledda o Emilio Lussu,

su Logudoro o su Coghinas;

ma non si frimmat a-i cussu,

proite  subra sos nostros  mannos  

Eleonora, Angioy o Bustianu Satta,

pro sa limba o trasportos chena affannos

ogni chida un’atzione est fatta.

Est bennida, ajò, sa Die de sa Sardigna,

cun sa Sardigna non semus fora ’e pare,

est bennida, ajò, sa Die de sa Sardigna,

fintzas nois cantamus “Fortza paris”.

(parlato)

Est bennida, ajò, de sa Sardigna sa Die

chi unit sos sardos intro e fora

de un’isola chi est de a tie e de a mie 

pro chi andemus tottus a sa bonora.

Sardos semus fintzas nois

chi vivimus fora ’e sa Sardigna,

sardos semus comente bois ch’ istades in terra benigna.

Sardi siamo anche noi

Sardi siamo anche noi

che viviamo fuori della Sardegna,

sardi siamo come voi

che state in terra benigna.

La traversata del mare

per studio o necessità

non ci ha fatto dimenticare

il nostro paese o città.

Facciamo vedere della terra nostra

civiltà, cultura e storia;

arricchiamo l’economia vostra,

e per che cosa? Solo per la gloria.

Non è più tempo di disperazione,

dei primi anni di inferno,

abbiamo costruito dappertutto, davvero,

uno stato non più di esilio.

Sardi siamo anche noi

che viviamo fuori della Sardegna,

sardi siamo come voi

che state in terra benigna.

Non chiediamo assistenza

ma di essere tenuti presenti;

il nostro sapere, la nostra esperienza

aiutano i residenti.

Ogni Circolo ricorda radici:

Grazia Deledda o Emilio Lussu,

il Logudoro o il Coghinas;

ma non si ferma a questo,

perché sopra i nostri grandi

Eleonora, Angioy o Bustianu Satta,

per la lingua o trasporti senza affanni

ogni settimana un’azione è fatta.

È venuto, ajò, il giorno della Sardegna

con la Sardegna non siamo separati,

è venuto, ajò, il giorno della Sardegna,

anche noi cantiamo “Forza uniti”.

(parlato)

È venuto, ajò, della Sardegna il giorno

che unisce i sardi dentro e fuori

di un’isola che è di te e di me

perché andiamo tutti alla buonora.

Sardi siamo anche noi

che viviamo fuori della Sardegna,

sardi siamo come voi che vivete in terra benigna.

2 risposte a “SARDOS SEMUS FINTZAS NOIS / SARDI SIAMO ANCHE NOI. CANTO DEI SARDI EMIGRATI”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *