ALCUNI TESTI PER CELEBRARE ONLINE “SA DIE DE SA SARDIGNA” 2020

nella foto Paolo Pulina che per il sito della F.A.S.I. sta raccogliendo i contributi poetici per questa “Sa Die”

contributi di PAOLO PULINA, di CRISTOFORO PUDDU, di TONINO MULAS, di MICHELE CARTA, di ADOLFO MURGIA, di PASQUALINA DERIU, di MASSIMO ZACCHEDDU e MASSIMILIANO PERLATO

PAOLO PULINA con “SA DIE DE SA SARDIGNA” FESTHADA IN DOMO IN LOMBARDIA

“Sa Die de sa Sardigna” festhada in domo in Lombardia  
Da-i su duemiza e tres in sa Lombardia /
sos vinti circulos sardos de sos emigrados /
ant festhadu totu cantos in cumpagnia /
“Sa Die de sa Sardigna”, umpare reunìdos./  
Festha cun sos colores des sos costùmenes, /
Cun tantas bandhelas de sos bàtoro moros: /
pitzinnas e pitzinnos, babbos e mamas issoro, /
in piata pro fàgher connòschere sos nòmenes, /  
de sos eroes de s’istòrica sarda revolutzione /
de candho sos cagliaritanos ant iscatzadu /
sos piemontesos chi ischian solu una rejone:/
tènnere su populu sardu isciau e incadenadu!/  
S’othieresu don Frantziscu Inniàtziu Mannu
contra sos feudatarios at cumpostu un’innu
“Procurad’ ’e moderare, barones, sa tirannia!”
e Juanne Maria Angioy, cun tanta energia,  
sas populasciones sardas at postu in abulotu
e las at organizadas contra sa reale tirannia
surda a sas chimbe preguntas de autonomia
presentadas a nòmene de su populu totu.  
S’istoria at nadu chi no fit s’ora, su momentu
chi sos  Sardos no aerent àpidu pius trobeas
comente molentes oprimidos cun turmentu
ma in su “scommiato” sunt nàschidas ideas  
de libbertade, de giustissia, e de autonomia.
Est una làstima che cust’annu in Sardigna,
in tota Italia e massimamente in Lombardia,
no si potat continuare, pro s’infetzione maligna,  
ad arrejonare subra s’istoria de su populu sardu.
Ma finidu s’impestu mortale de-i custu momentu
est netzessariu de recuperare fintzas in retardu
custa Festha importante pro s’istoricu ammentu.          
“Sa Die de sa Sardigna” festeggiata in casa in Lombardia  
Dall’anno 2003 in Lombardia /
i venti circoli sardi degli emigrati /
hanno festeggiato tutti in compagnia /
“Sa Die de sa Sardigna”, insieme riuniti./  
Festa con i  colori dei costumi, /
con  tante bandiere dei quattro mori: /
ragazze e  ragazzi, con i loro padri e madri, /
in piazza per far conoscere i nomi/  
degli eroi della storica “sarda rivoluzione” /
quando i cagliaritani hanno scacciato /
i piemontesi che conoscevano solo una ragione:/
tenere il popolo sardo schiavo e incatenato!/  
L’ozierese don Francesco Ignazio Mannu
contro i feudatari ha composto l’inno
“Procurad’ ’e moderare, barones, sa tirannia!”
e Giovanni Maria Angioy, con   tanta energia,  
le popolazioni sarde ha posto in rivolta
e le ha organizzate contro la reale tirannia
sorda alle “cinque domande” di autonomia
presentate  in  nome del popolo tutto.  
La storia ha detto che non era l’ora, il  momento
che i  Sardi non avessero avuto  più pastoie
come asini oppressi e  tormentati
ma nello “scommiato” sono nate idee  
di libertà, di giustizia, e di autonomia.
È un peccato  che quest’anno in Sardegna,
in tutta Italia e specialmente in Lombardia,
non si possa continuare, per l’infezione maligna,  
a ragionare sopra la storia del popolo sardo.
Ma finita la peste mortale di questo momento,
è necessario recuperare anche in ritardo
questa Festa importante per lo storico ricordo.  
ph: Cristoforo Puddu

CRISTOFORO PUDDU con ABRILE

Sa nàschida pro me

est in Abrile

ca su tempus

ch’ischidat sa natura

m’est cumpanzu

de bàntzigu e sònnios.

De risitos

e carignos s’istajone

losingat

cun imbérrios sos fiores

ch’allùpian

a su sole sos colores.

Sas matas prus arestes

brotan fozas

e de sos ranos

ndh’acrarat s’ispera

umpare

a durches frutos sos sabores.

In sos nidos

su travigu no hat pasu

pro atunzare

su cìulu de papu

e lestros

pesan bolos sos puzones.

Si pro totu

su nascher est promissas

Abrile

nos rinnovat cuss’acordu

cun su mantu

chi mudat sa natura.

…E pro totu sos sardos

est tempus de bagadiare

s’ammentu lieru

de “Sa Die de sa Sardigna”

ch’atunzat de populu

sinnos sempre noales

e balente atzuda identidade.

Aprile

La mia nascita

è avvenuta ad Aprile

e la stagione

che risveglia la natura

mi è stata compagna

di culla nei primi sogni.

La primavera

lusinga

giocosamente

con sorrisi e carezze i fiori

che s’infiammano

di colori ai raggi del sole.

I cespugli più selvatici

si coprono di fogliame

e i sementi

rivelano la speranza

per dolci,

saporosi e vitali frutti.

Nei nidi

il traffico è senza sosta

per alimentare

il continuo pigolio

e solleciti

innalzano i loro voli gli uccelli.

Se per tutti

il nascere significa promesse

il mese di Aprile

ci rinnova e ricorda quel patto

con il suo manto verde

che muta la natura.

…E per tutti noi sardi

è tempo di celebrare

il genuino ricordo

de “Sa Die de sa Sardigna”

che alimentò nel popolo

significati nuovi di valori audaci e identità.

ph: Tonino Mulas

TONINO MULAS con ITE EST PO NOIS SA DIE DE SA SARDIGNA

Sa die de sa Sardigna est dedicada/

a sa memòria de lota natzionale/

ch ‘at bistu eròica s’ ìsula impignada/

in sa rivolutzione populare. /

Contra a sa reale tirannia/

sa piemontesa l ‘amus imbarcada/

s’ istranza fea mala zenia/

et a foras che l’amus imbolada./

Capu fit Angioj nostru, bonesu/

chi sas ideas de cussa manna impresa/

dae Casteddu aiat bene cumpresu/

sa rivolutzione noa, cussa frantzesa. /

Est istada un’istòria gloriosa/

li dechet a nos l’apuntare/

ca peri sa derruta dolorosa/

galu oje nos inditat a gherrare/.

Peri ocannu chi bivimus acorraos/

in custas dies de dolu e pessamentu/

po nois chi semus sardos disterraos/

una die, depet èssere, de ammentu.

Sa sarda die de sa rivolutzione,/

Bos naro deo, po sos de continente/

est diventada como s’ocasione/

de contare su tempus ch’est presente. /

Bantos pesamus a sa terra mia/

s’ermosura ospital’ et sa cultura/

sos locos de su mare e de s’altura/

de s’istoria, de s’arte et sa poesia./

At sa potessia nostra antica fama/

sa domo ‘e su re de santu Antine/

sos gigantes chi sunt in monte Prama/

et difendent dae mare su confine/

Settemiza turres de predas de focu/

onzuna posta in ria a longa vista/

una rete geometrica est su zocu/

de perfeta ingienierica concuista. /

Su còditze inditamus d’Eleonora/

Zuichessa de sa terra d’ Arborea/

ca contra sa violèssia est fachidora/

de primas lezes in s’ Europa intrea. /

A Gramsci onoramus pessadore/

de diritos umanos sos prus mannos/

òmine primu nostru inditatore/

eroe mortu contras sos tirannos/

De su diritu ‘e sa navigatzione/

at iscritu Azuni tataresu/

po Savoia et po Napoleone. /

Tuveri imbezzes est naschíu forresu, /

de Cattaneo amicu et mazzinianu/

chistinabat de patrioticu destinu. /

Pigliaru su pessadore pius nostranu/

su codice at contau barbaricinu. /

Cantamus peri s’istorica impresa/

de Miliu Lussu sardu cumbatente/

ch’in sos de sa brigata tataresa/

et capu antifascista costituente. /

Deledda est sa prus manna iscritora/

prèmiu Nobel, fèmina, issa sola/

sa Fasi l’ammentat e l’onorat/

mancari no l’istudient in iscola. /

Dessí, Cicitu, Atzeni chin Angioni/

tott’intundu li fachent cresura/

Cambosu, Pillonca, Pira, Asproni/

et sa leva moderna ‘e s’ iscrittura. /

Satta bi sunt Bustianu et Sarvadore/

paris et diversos sunt de Nugóro/

unu est poeta, s’ateru iscritore/

de valore luchentes che a s’oro. /

Amus zutu artisticos manizos/

in sos circulos et in sas zitades/

bantande cussos sardos fizos/

nodidos de fama et de bointade/

Ballero, Ciusa, Fàncello, Nivóla/

Biasi, Corriga, Floris oltzaesu/

Albino Manca et Pinuccio Sciola/

Ispanu, Merù, Mele durgalesu /

Meledina, Dessy et Tavolara./

Feminas canto, modernas pintoras/

Maria Lai chin Edina Altara/

Sartas istilistas, tessidoras. /

Iscurtamus sos cantos de sa parta/

de Pirastu, Cubeddu et de Remundu,/

Maria Carta cantabat a boghe isparta/

incantende sos teatros de su Mundu. /

Sos “Shardana” cumpuniat Porrino/

de su cantu Delunas fit solista/

Don Allori sonada innos divinos/

in Parigi Silesu fit pianista. /

Non numeno sos mannos c’amus como/

Sas artistas, poetas, iscrittoras/

Sos cantantes, registas, sos de domo/

Ca che ne dia lassare tropp’ iforas./

Donnia die depet esser “de sa Sardigna” /

fainas bonas sighimus chin cussiessia/

die po die fraicamus cosas dignas/

Chin su coro e chin sa connoschessia. /

ph: Michele Carta

MICHELE CARTA con BENDIDA T’AN SARDIGNA

Bendida t’an Sardigna e regalada

a malos furisteris continentales!

Sutt’a rujos tappetos t’an cuada

invec’e los retzire a istrales.

A servile teracca relegada

pro cuntentare a cussos mannales;

ei cuddos porcos chena reguardu

in sa cherina tancad’an su Sardu.

Arrividos sun giumpende su mare

cun s’abbundantzia intr’a sa busciacca,

seguros, che a sempre, de acciappare

su poveru ch’abitat in barracca.

Postu l’an s’aneddu a su nare:

dai trau promovidu l’an a ‘acca!

Cuntentu, isse lis dat coro in donu

che cane affestende su padronu.

Aisettende dai fora sa salvesa,

Romanos, Piemuntesos e Ispagnolos

an fattu festa in sa nostra mesa:

mandigadu an lardu, nois colzolos!

Est ora de sensare masedesa,

de ponner fine a ingiustiscia e dolos.

Sardigna, ispoza sa ‘este coloniale:

Sardu no ses teracu, ses printzipale!

TI HANNO VENDUTA, SARDEGNA

Ti hanno venduta, Sardegna, e regalata

a crudeli forestieri del continente!

Sotto rossi tappeti ti hanno nascosta

invece di riceverli con le accette.

A umile serva relegata

per accontentare quei porci;

e quei maiali senza riguardo

han chiuso il Sardo nella porcilaia.

Sono arrivati traversando il mare

con l’abbondanza in tasca,

sicuri, come sempre, di trovare

il pover che abita in una baracca.

Gli hanno messo l’anello al naso:

da toro, lo hanno promosso a vacca!

Contento, lui gli regala il cuore

come un cane che fa le feste al padrone.

Mentre aspettavamo la salvezza dall’esterno,

Romani, Piemontesi e Spagnoli

hanno fatto festa al nostro tavolo:

han mangiato lardo, noi la cotenna!

È il momento di cessare la mansuetudine,

di metter fine all’ingiustizia e ai doli.

Sardegna, spogliati della tua veste coloniale:

Sardo non sei servo, sei il padrone!

ph: Rita Danila, figlia di Adolfo Murgia

ADOLFO MURGIA con A TIE SARDIGNA AMADA

A tie cara Sardigna amada

dedico custa rima cun affettu

ca de t’amare tantu apo derettu

terra dae milli frores profumada

Ti difendo cun amore e orgogliu in pettu

ca ti so fillu e forte mi lu vanto

perdona chi a meritu non ti canto

ca su cantare meu no est perfettu

Cando ti pensu meda…su piantu

Prite chi amada non sese a meritu

ca sese una terra de incantu

De clima bellu, ne caldu ne frittu

cun genti armoniosa e ospitale

chi accogli bene dogni poverittu

A te Sardegna amata

A te cara Sardegna amata

dedico questa rima con affetto

che d’amarti tanto ho diritto

terra dai mille fiori profumata

ti difendo con amore e orgoglio in petto

che ti sono figlio e forte me lo vanto

perdona se quanto meriti non ti canto

che il cantare mio non è perfetto

quando ti penso molto … il pianto

poiché non sei amata quanto meriti

che sei una terra d’incanto

clima bello, ne caldo ne freddo

con gente armoniosa ed ospitale che accoglie bene ogni poveretto

ph: Pasqualina Deriu

PASQUALINA DERIU con L’ISOLA

Ha tracimato fino alla Darsena

ha messo l’ancora legato le cime

onde illanguidiscono lievi

si spengono senza tumulto

l’isola sedata non sembra più

un’isola senza maree tempeste

che cos’era l’isola disincarnata

senza tratti contorni spumeggianti

aria vagante nel pallido cielo

riposo allo spirito in cerca di pace

che tumulto cercava non pace.

ph: Massimo Zaccheddu

MASSIMO ZACCHEDDU con SU PRESIDENTI GALDINO

QUANDO IL RICORDO DI UN GIORNO

DIVENTA REALE

TI ACCORGI CHE I PROGETTI

CHE HAI REALIZZATO

SONO DIVENTATI I MOMENTI DI TUTTI.

QUANDO SI PENSAVA A SA DIE DE SA SARDIGNA

I TUOI OCCHI LUCCICAVANO

COME QUANDO PENSI AD UNA MAMMA,

QUELLA MAMMA CHE GALDINO

HA SEMPRE RICORDATO

IN OGNI SUO SILLABARE

QUANDO CON LA CADENZA IN LIMBA

SI APPRESTAVA A RACCONTARE

IL NUOVO SCRITTORE O CANTORE

CHE AMAVA OSPITARE.

SONO POCHE RIGHE DI GRANDE  STIMA

CHE RIVOLGO A CHI COME ME RICORDA

CON GRANDE PRESENZA

UNA PERSONA SPECIALE

IN SA DIE DESA SARDIGNA.

CIAO GALDINO MUSA

SU PRESIDENTI DE SU CIRCULU

GIUSEPPE DESSI’ DE VERCELLI.

ph: Massimiliano Perlato

MASSIMILIANO PERLATO con GRANDE COME IL MARE

Sardegna mia,

la tua presenza

trasfonde sicurezza

ai soliloqui dell’anima.

Ridere, piangere insieme.

E poi parlare,

parlare e parlare

in un torrente in piena di parole

per poi solcare il mare

del nostro essere uomini semplici:

lucerne inestinguibili

con l’affanno di amare.

Pareti da cui scroscia la pioggia

e ci ritroviamo sempre più veri

nella sinergia che quotidianamente

nello splendore si rinnova.

Non so dare voce forte ai sentimenti,

ma può una sorgente

originarne il senso?

Sardegna, se non ti avessi, t’inventerei,

ma non sarebbe uguale,

e non bastano le parole

ad esprimere

il nostro personale segreto universo

arricchito d’affetto

grande come il mare.

4 risposte a “ALCUNI TESTI PER CELEBRARE ONLINE “SA DIE DE SA SARDIGNA” 2020”

  1. Secondo il mio modesto giudizio sarebbero:
    1) ITC ESTE PO NOI SA DIE DE SARDEGNA; (Tonino MULAS)
    2) A TE SARDEGNA AMANDA
    . (Adolfo MURGIA)

    2)

    1. Caro Nicola Pala in una festa non non ci sono classifiche ma solo ricordi che ognuno di noi porta nel cuore e che poi cerca di trasmettere in emozioni per le generazioni che verranno. BUONA FESTA IN OGNA DOMMU

  2. Grazie a Paolo Pulina, Cristoforo Puddu, Tonino Mulas,Michele Carta,Adolfo Murgia,Pasqualina Deriu,Massimo Zaccheddu e Massimiliano Perlato per i loro contributi per ricordare a tutti noi sardi la ricorrenza de “Sa Die de sa Sardigna” .
    I testi inviati sono l’espressione di sentimenti che ognuno di noi ha nel proprio intimo e che ha la capacità di trasmettere ad altri. Non è facile e non tutti sono in grado di fare ciò. Pertanto, merito a chi questa dote ha avuto da madre natura e che oggi è in grado di trasmettere tale valore a tutto il Popolo sardo. Non ci sono voti da dare o classifiche da stilare sullo stile o la sostanza di quanto ci è stato offerto dagli autori. Non è una gara per poeti su i palchi della Sardegna in occasione delle feste patronali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *