ALTRI TESTI PER CELEBRARE ONLINE “SA DIE DE SA SARDIGNA” 2020

contributi di ANGELO CURRELI, TONINO CARTA, ANGELO TOCCO, anonimo nuorese

ANGELO CURRELI con SA DIE DE SA SARDIGNA 2020

Cust’annu devimos  affestare
sa die ‘e sa Sardigna in isserru
ca est die de no immenticare
mancu dae nois fizos in disterru

est sa die de tottu nois sardos
ca ammentamos sa rebellione
su vint’otto ‘e aprile dae annos
affestamos sa sarda revolutzione

ca est sa die de su sardu orgogliu
De su corazu e de s’altu valore
e chie cumandaiat chin imbrogliu
vit piemontesu un’ approfittatore

chi su populu  intreu cheriat aggangare
dimustrande chin forza su potere
pustis chi l’amos chefitu salvare
no at cumpresu nudda su messere

sos sardos han rispostu a s’arrogante
cun  sa vorza ‘e sa rebellione
Casteddu fachet gherra a su regnante
e a sichire tottu s’isola at rejone

Jacaratu han sos impiegatos
a Balbiano puru han ispeditu
e torran sos anticos  istamentos
e su populu fieru hat resistitu.

TONINO CARTA con SA DIE DE SA SARDIGNA. (28 DE ABRILE 1794)

Norantabattoro poi ‘e settighentos

su millenniu nd’aiat de annos,

e in Sardigna sos tres istamentos

chilcaian bonas legges,no ingannos,

de sos guvernantes discuntentos,

piemontesos chi si faghian mannos,

sas richiestas lassaian a pe’

poninde a paralimpu su vicere’.

Diffusu si fit gia’ su malumore

ca s’annu primmu finas Bonaparte

addainanti ‘e veru sardu valore

contrariu li fit su deus Marte,

non giughiat corona ‘e imperadore

e fattu l’an torrare a mare cun arte,

Impiegos dimandana e autonomia

ma su no dae Torinu est un’ispia.

S’arrabbiàna sos burghesos in Calaris

cun su populu intreu a fiancu,

a s’arrestu ‘e Cabras e Pintor sunt paris

duos patriotas chi teniana bancu,

dezisos e fideles che Istella Maris

sa zente no nde faghiat a mancu.

Mentres a s’ala ‘e Casteddu los giughian

issos a sa rebelliòne inzitaian. Una janna de nd’ettàre in caminu

sos populanos in s’ala ‘e Casteddu

an chilcàdu, e sa Porta ‘e Santu Austinu

brujana, e in mesu su fumu nieddu

disarmana dogni soldadu ighìnu,

sas campanas sonaiana a marteddu,

in riones Stampace,Marina e Iddanoa

movinde gai su restu a dare proa.

A un’atera janna postu an fogu,

sos milites giughian sos cannones,

ma non sunt resessidos in s’isfogu,

e frimmu no nd’ ana sa rebelliòne.

pro sos patriotas pariat unu giogu

e nde lean possessu in cuss’occasione.

sas turres d’elefante e leone in manu

leana, chilchende a Pizente Balbianu.

Si rendène gai totu sos soldados

e chilcan repàru in Palatu Regiu,

fina sos isvizzeros disarmados

sunt chenza perunu isfrèggiu,

ca de amigos los aian trattados.

Infinis dezisos e sena unu tèju

a su Palatu intran totu seguros

ma su Vicerè fit in àteros muros.

Rifugiu in Palatu Vescovile

in su frattempus aiat tentu,

cun s’Alta Autoridade zivile,

tot’umpare los lean a dìdu tentu

e saltiare lis fàghene su giannile

brìvos de unòre e sena ilvèntu.

binchet sa sarda zente cun coraggiu

e che los bògana su sette ‘e màgiu.

Traduzione

il giorno della Sardegna (28 aprile 1794) cacciata dei funzionari piemontesi e presa del potere da parte degli stamenti durante i vespri sardi.

poesia.

Novantaquattro dopo i settecento

il millennio ne aveva di anni,

ed in Sardegna i tre stamenti

cercavano buone leggi, non inganni.

scontenti dei governanti,

piemontesi, che facevano i grandi.

le richieste lasciavano ai loro piedi

facendo fare il paraninfo (mezzano) al Viceré

diffuso si era già il malumore

dall’anno prima, persino Bonaparte

davanti al vero sardo valore

contrario gli fu il dio Marte,

non aveva la corona d’imperatore

e lo hanno ricacciato in mare con arte.

perciò (i sardi) chiedevano impieghi ed autonomia,

ma il no da Torino è già una spia.

S’imbufaliscono i borghesi a Cagliari

con il popolo intero al loro fianco,

all’arresto di Vincenzo Cabras e di Efisio Pintor insieme, (per errore arrestarono il fratello Bernardo)

due patrioti che tenevano banco,

decisi e fedeli come la stella del mare,

la gente non poteva fare a meno di loro,

mentre li portavano al rione castello,

essi incitavano alla ribellione.

una porta da buttare nel cammino

i popolani in quell’ala di castello

hanno cercato, e la Porta di Sant’Agostino

bruciano, ed in mezzo al fumo nero

disarmano ogni soldato vicino.

le campane suonavano a martello (a suonare fu Efisio Pintor lasciato libero)

nei rioni di Stampace, Marina e Villanova

muovendo il resto del popolo) a dare prova, (dell’avversione ai sabaudi)

ad un’altra porta danno fuoco,

i militari lì avevano i cannoni,

ma non riuscirono a dare sfogo (a sparare)

e non fermarono la ribellione,

per i patrioti sembrava un gioco

e ne presero possesso in quell’occasione.

poi conquistano le torri dell’Elefante e del Leone

cercando all’interno Vincenzo Balbiano (il Viceré)

si arrendono così tutti i soldati

e cercano riparo nel Palazzo Regio,

persino gli svizzeri sono disarmati (soldati di stanza a Cagliari nel periodo, ma a favore dei rivoltosi)

ma senza alcuno sfregio,

perché vennero trattati da amici.

infine decisi e senza un lamento(piagnisteo)

al palazzo fanno ingresso sicuri,

ma il viceré era altrove. (in altri muri)

rifugio nel Palazzo Vescovile

aveva trovato nel frattempo,

insieme ai suoi alti funzionari civili, (piemontesi anch’essi naturalmente)

e vengono presi tutti insieme con sicurezza,

facendo loro saltare la soglia

privi di onore e senza alcuna invenzione (da intendersi sotterfugio)

vince così la sarda gente con coraggio

e li mandò via il sette maggio. (vennero accompagnati sulla nave e rispediti in Piemonte il 7 maggio dell’anno stesso)

ANGELO TOCCO con ARRIUSU

Prima is arriusu funta puliusu

Acqua pulia si porera buffai

Is chi funti in condizioni de traballai

Enta depi pulì is arriusu

Ca’ ci funti i mezzusu de du pori fai

Dopu chi funti puliusu is arriusu

Nonnsu piciocchedusu e pipiusu

Si piganta sa manu e si poninti a cantai

Anti puliu is arriusu

E nosu tottusu acqua pulia torrausu

a buffai

ANONIMO NUORESE con SA DIE

B’at una cantone chi non cantat

in sa taschedda iscorriada de su chi fimus

e galu non semus

e b’at bisiones de isperas,

ammentos anticos

e frichinias de tempus benidore

chi non arribat

b’est su tempus de innantis chi non colat

e s’apretu de azudos anzenos

b’est sa terachia de su bisonzu

e su tumbu surdu de sas bombas

a innedda…

b’at unu disizu…galu pitzinnu

chi non creschet

nemos l’ischit pesare

custu sentiu

cubau e presu,

irmenticau.

Bi ses tue,

fèmina agreste,

pilinighedda,

ocrimadura.

Tue bi ses

pitzinna prena de dolu

bella che frore

fintzas morta de gana.

Non t’isetamus prus

ca non l’ischimus mutire

cudda paràgula bella,

làdina, cussu ascusorju

ricu, chi li nant libertade…

Anonino Nuorese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *