A SIENA IL 1° FEBBRAIO, CON IL CIRCOLO “PEPPINO MEREU”, LO SPETTACOLO TEATRALE “MISTERO BUFFO” CON ELISA PISTIS

evento segnalato da DINA MELONI

il Circolo Peppino Mereu di Siena è lieto di annunciare, nell’ambito delle varie attività organizzate per il 2020, la serata di presentazione dello spettacolo teatrale “Mistero Buffo” di Franca Rame e Dario Fò, rielaborato e interpretato  dall’attrice Elisa Pistis.

Note presentazione di Elisa Pistis
 “Il mio “Mistero Buffo” non vuole essere ovviamente una copia del lavoro di Dario Fo, ma si snoda prima di tutto da un punto di partenza molto semplice: una donna che mette in scena, da sola, Mistero Buffo.

La mia rielaborazione parte quindi da una sensibilità femminile, che non esclude il lavoro del Maestro ma ha, per forza di cose, una direzione espressiva totalmente differente.
Diversi sono inoltre i tempi in cui ci muoviamo e il contesto sociale del nostro presente: con questo Mistero Buffo parto dall’esigenza di condividere una riflessione attuale su alcune dinamiche che ancora oggi caratterizzano la nostra società. Soprattutto vorrei capire come la questione del potere, dell’arroganza, dell’ingiustizia sociale, tutt’altro che risolta e appartenente al passato, ancora oggi possa risuonare attraverso un materiale scritto alla fine degli anni Sessanta e attraverso delle storie che sono alla base della nostra cultura, e non solo, da secoli.

Ho scelto il filo rosso della Sacra Famiglia, mettendo in campo due differenti momenti della vita di Gesù: Gesù bambino e Gesù adulto, accompagnato ovviamente dalla presenza, indubbiamente importante, di sua madre, Maria di Nazareth: personaggi che ci sono familiari e che conosciamo, qualsiasi sia il nostro rapporto con la religione”.

Lo spettacolo è stato ospitato all’Istituto Italiano di Cultura di Osaka, in Giappone, nell’aprile 2019.
È stato selezionato per un evento sull’empowerment femminile che siè tenuto a Zurigo a dicembre 2019.
Il lavoro dell’attrice viene citato sulla rivista Hystrio – Trimestrale di Teatro – numero ottobre/dicembre 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *