“TERRA NOSTRA, LA TERRA DEI CENTENARI – COLORI DI SARDEGNA”: OTTO APPUNTAMENTI PER LA II EDIZIONE A CARDEDU

di MICHELA GIRARDI

L’associazione culturale Vista Net anche quest’anno è pronta a far conoscere al pubblico lo straordinario fenomeno della longevità, attraverso una rassegna che andrà nuovamente  a mettere in risalto il patrimonio culturale, artistico e archeologico della Terra d’Ogliastra, un angolo di Sardegna conosciuto proprio per essere uno dei cinque luoghi al mondo con il più alto tasso di centenari.

Questo è l’obiettivo della manifestazione che si svolgerà tra agosto e settembre 2019 nella meravigliosa cornice dell’Hotel Experience Corte Bianca di Cardedu e che si articolerà in otto appuntamenti, ognuno dei quali dedicato al racconto delle diverse realtà del patrimonio materiale e immateriale della nostra Isola e dell’Ogliastra in particolare. Un racconto completo di uno straordinario segreto, quello del vivere bene e a lungo. Gli appuntamenti per raccontare l’Ogliastra, terra della longevità: 

Già svolto il 21 agosto MASCARAS DE SARDIGNA

Sono stati allestiti dei manichini che hanno mostrato, grazie alla fedele ricostruzione del tecnico archeosperimentale Andrea Loddo, gli indumenti, la armi e le armature del passato. Un viaggio nel cuore di quei miti e leggende che i centenari di Sardegna custodiscono nella memoria.

2. Mercoledì 28 agosto OGNI POPOLO HA LA SUA CULTURA

Si andrà a ripercorrere il cammino della storia degli Shardana (antichi popoli del mare), con uno studioso del settore, che analizzerà l’evoluzione della civiltà nuragica e i tratti affini con la società odierna, specialmente quella ogliastrina. Il tecnico archeosperimentale Andrea Loddo si dedicherà a uno dei più importanti riti ancestrali della Sardegna, quello della fusione del bronzo, creando dal vivo un bronzetto di una navicella nuragica. Seguirà la cena della longevità.

3. Mercoledì 4 settembre SOS ASKOS E SA CHENA

Gli askos sono le leggendarie ampolle di epoca nuragica, le prime forme attestate di ceramica sarda. Un’artista ceramista sardo mostrerà al pubblico come nascono i manufatti, raccontando la genesi di questa particolare forma d’arte. Seguirà il laboratorio di cucina realizzato da alcune anziane ogliastrine che realizzeranno i culurgiones utilizzando manufatti in ceramica sarda, largamente usati in passato e alla base di una cucina sana e naturale. La serata proseguirà con un percorso gastronomico in cui poter assaporare i “culurgiones” e le “anguli e cipudda”, piatti tipici della dieta dei centenari.

4. Venerdì 6 settembre SU SOLE E SOS ISTEDDOS

Protagonisti di questa serata saranno l’astronomia, la musica e la poesia. Il cielo come elemento immortale e custode del tempo, quello stesso tempo che è stato generosamente concesso ai centenari ogliastrini. La poesia e la musica possono descrivere al meglio il secolare rapporto che i longevi di Sardegna hanno intrattenuto con gli astri e le stelle. Un astronomo racconterà al pubblico, con l’ausilio di strumenti all’avanguardia, come le costellazioni  venissero utilizzate in antichità dal nostro popolo per orientarsi. Le spiegazioni  saranno alternate con la recitazione dei versi che i poeti hanno dedicato nei secoli a cielo e stelle. La musica sarda strumentale, in sottofondo, accompagnerà la serata, in un’atmosfera magica e suggestiva.

5. Mercoledì 11 settembre SGUARDI D’OGLIASTRA

Una mostra fotografica emblematica, di un ritrattista sardo che esporrà a bordo piscina le immagini dei centenari d’Ogliastra. Durante l’evento si terrà un convegno sulla longevità dove saranno protagonisti un centenario ogliastrino ed esperti del settore tra cui un medico. I giornalisti analizzeranno con loro il singolare fenomeno dando la possibilità al pubblico di interagire con domande e curiosità alla scoperta dei segreti di una vita lunga, sana e felice. Seguirà la cena dei centenari con la presentazione dei vini ogliastrini, elemento da sempre presente nella tavola dei longevi. Un esperto in agraria illustrerà le tecniche della coltivazione vitivinicola con particolare attenzione alle uve Cannonau.

6. Sabato 14 settembre MIRTO, LENTISCHIO ED ELICRISO

Il pubblico farà un tour accompagnato da un erborista esperto alla scoperta delle erbe officinali e aromatiche della Sardegna, quelle che le nostre nonne utilizzavano per curarsi e medicarsi in maniera naturale e che in molti casi hanno contribuito all’agognato spegnimento delle 100 candeline. Ci sarà poi l’intervento dei responsabili di un saponificio artigianale del territorio che racconteranno come nascono i prodotti cosmetici derivati da queste erbe. In conclusione,un percorso di degustazione dei piatti della longevità aromatizzati con le erbe raccolte durante il tour.

7. Domenica 15 settembre PEDALANDO NELLA STORIA 

Accompagnati da guide specializzate i partecipanti partiranno alla volta di alcuni  siti archeologici di epoca nuragica e di alcune chiese campestri del territorio. Il percorso per arrivare ai siti designati si svolgerà in parte in bici, in parte a piedi con degli itinerari di trekking, all’insegna di quello stile di vita sano, attivo e in armonia con la natura, che ha caratterizzato il percorso di vita di ogni centenario.

8. Martedì 17 settembre SU PASSU TORRAU

Su passu torrau è forse il passo di danza più conosciuto della Sardegna. Il ballo, nella cultura sarda e ogliastrina è sinonimo di stile di vita sano e attivo, di gioia, felicità, amicizia e condivisione. Tutti elementi che non possono assolutamente mancare tra i pilastri di una vita lunga e serena. Oltre alla mostra dei principali abiti tradizionali sardi, un gruppo folk, in abito sardo, mostrerà al pubblico i passi più famosi della tradizione e lo coinvolgerà nell’apprendimento. La serata proseguirà con la preparazione e la degustazione de “su porceddu”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *