BREVETTO RIVOLUZIONARIO PER L’ARRESTO CARDIACO: UN POOL DI RICERCATORI DELL’UNIVERSITA’ DI CAGLIARI A MAGGIO A MONACO DI BAVIERA

“Liposomi nel trattamento dell’arresto cardiaco”: è la cornice del brevetto dell’Università di Cagliari che è stato selezionato, con altre sei tecnologie italiane, per partecipare a Biovaria 2019. L’evento è accreditato nel campo delle Scienze della vita con un riferimento specifico alla diagnostica e alla terapia nelle aree di oncologia, neurologia, immunologia, cardiologia e disturbi metabolici.La tecnologia brevettata – destinata ad ampliare gli scenari della medicina – è relativa a una formulazione progettata per l’iniezione parenterale durante le emergenze cardiache in grado di modulare il rilascio dell’adrenalina, riducendo così il numero di somministrazioni, la dose applicata e di conseguenza gli effetti collaterali. In programma a Monaco di Baviera l’8 e 9 maggio, Biovaria riunisce scienziati, professionisti del trasferimento tecnologico, investitori e rappresentanti del settore.La partecipazione degli specialisti dell’ateneo di Cagliari certifica un percorso di consolidata e conclamata reputazione scientifica. Ovvero, un riconoscimento di pregio per il lavoro svolto dal team di professori e ricercatori afferenti ai dipartimenti di Scienze chimiche e geologiche e Scienze della vita e dell’ambiente. Tra questi, Sergio Murgia, Chiara Sinico e Michele Schlich. Ma tra gli inventori del brevetto ci sono anche Ernesto D’Aloja, Maura Monduzzi, Emanuela Locci e Valeria Meli.Nel pool anche TheodorosXanthos (European University Cipro, già visiting professor all’Università di Cagliari). All’evento di Monaco di Baviera saranno presenti Sergio Murgia e Chiara Sinico. UniCa liaison office – sportello specializzato della direzione Ricerca e territorio dell’ateneo di Cagliari, diretto da Gaetano Melis – seguirà gli aspetti inerenti le relazioni con possibili investitori interessati all’acquisizione e allo sviluppo del brevetto. Il team – coordinato da Orsola Macis – è stato e sarà supportato per l’insieme degli aspetti brevettuali, di valorizzazione dei risultati e trasferimento tecnologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *