FERMATA A FIRENZE IL 12 NOVEMBRE DI “VIAGGIO A STOCCOLMA”, UN FILM DI GABRIELLA ROSALEVA SU GRAZIA DELEDDA

ph: Gabriella Rosaleva

di Bruno Culeddu

Il lungo e faticoso viaggio in treno affrontato da Grazia Deledda nel 1927 per ritirare il premio Nobel a Stoccolma  diventa un’occasione per rivivere ricordi dolorosi del passato e incontrare alcuni personaggi dei suoi romanzi, con cui discutere il senso dello scrivere, della memoria e della vita stessa.

È questo il plot del cortometraggio di Gabriella Rosaleva che sarà presentato al 39° Festival internazionale di Cinema e Donne “Segnare il tempo“, a Firenze dall’8 al 12 novembre.

Un viaggio in terza classe con molti disagi, durante il quale la Deledda incontra in una visione onirica la sorella Enza, sposa giovanissima scomparsa precocemente a causa di un aborto spontaneo raccontato in “Cosima”, e la nonna, una figura mitica simile alle piccole fate sarde, buone o cattive a seconda delle circostanze. Grazia rivede quindi alcuni personaggi creati per i suoi romanzi, donne come Marianna Sirca, con le quale ragiona sul loro destino.

La scrittrice nuorese è interpretata da Maddalena Recino, attrice romana ma con padre sardo.  Achille Brugnini è invece Palmiro Madesani, suo marito. Antonella Masala  ricopre il ruolo della mamma di Deledda, mentre Antonella Puddu  quello della nonna. La giovanissima Laura Marrone è il volto di Grazia bambina.

Il film si è avvalso del lavoro di Alessandra Pigliaru, co-sceneggiatrice, e di Giusy Calia, direttrice della fotografia.

La realizzazione del film è stata coordinata da Lucia Cardone, docente di cinema, fotografia e televisione all’Università di Sassari e Giovanna Maina,  assegnista di ricerca presso lo stesso Ateneo.

Il corto è stato prodotto dal Dipartimento di Scienze  Umanistiche e Sociali dell’Università degli Studi di Sassari con il sostegno della Regione Autonoma Sardegna e della Fondazione Sardegna Film Commission. 

Viaggio a Stoccolma” è un’opera da non perdere per onorare una grande scrittrice sarda al di fuori della melassa della retorica che ha caratterizzato alcune celebrazioni nell’anniversario della sua morte e dell’assegnazione del premio Nobel.

Save the date per i sardi di Firenze: domenica 12 novembre alle ore 21.00 al Cinema La Compagnia, in Via Cavour, 50/R!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *