IL RUSH FINALE NON SORRIDE ALLA DINAMO SASSARI, DELUSIONE ANCHE A CASERTA: LA SCONFITTA IN CAMPANIA RELEGA I SARDI AL QUINTO POSTO


La Dinamo Banco di Sardegna cade sul parquet campano del PalaMaggiò: il destino biancoblu è nelle mani degli altri scontri sui campi di Trento e Cremona. Trento si impone su Avellino di misura, conquista il quarto posto e -complice la sconfitta di Reggio Emilia- i giganti scivolano al quinto: i playoff sassaresi inizieranno venerdì con gara1 a Trento, con il fattore campo in favore della Dolomiti Energia.

Il match al PalaMaggio inizia con un grande sprint dei padroni di casa, dopo aver subito il break iniziale della Juve i giganti si riportano in partita condotti dal duo Lawal-Carter e chiude il primo tempo avanti (37-42). Nella seconda frazione la Pasta Reggia rimette la testa avanti fino al +12; i sassaresi non trovano l’extra sforzo nel finale per conquistare i due punti.

Determinante Rok Stipcevic, il migliore tra i suoi con 20 punti, 7 rimbalzi e 6 assist per un totale 30 di valutazione. Doppia doppia a referto per Gani Lawal con 12 punti e 11 rimbalzi, ottimo apporto dalla panchina anche di un ispirato Josh Carter: per l’ala texana 14 punti, con 4/7 da tre, 3 rimbalzi e 3 assist, bene anche Brian Sacchetti (9 pt, 5 rb). Importante approccio alla sfida di Lollo D’Ercole, autore di due triple in un momento topico del match.

I playoff dei sassaresi inizieranno dunque venerdì 12 maggio al PalaTrento con gara1 dei quarti di finale: per la seconda volta nella storia queste due squadre si incontrano ai playoff nel remake dei playoff della stagione 2014/2015.

Coach Pasquini manda in campo Bell, D’Ercole, Sacchetti, Lydeka e Lighty, coach Dell’Agnello risponde con Berisha, Diawara, Johnson, Putney, Gaddefors. I padroni di casa partono forte scavando un break di 9-0 con Diawara, Watt, e Putney. A sbloccare i giganti dopo 3’ l’apporto dalla panchina di Gani Lawal e Josh Carter. Il centro nigeriano sblocca i suoi seguito da Lighty, due bombe di un ispirato Carter riportano Sassari a contatto. Caserta prova a ricacciare indietro gli avversari con Giuri ma Carter dalla lunetta monetizza il fallo di Bostic e sigla la parità. La bomba di Stipcevic permette ai sardi di mettere il naso avanti (19-18). È ancora Carter dall’arco ad aprire il secondo quarto, i padroni di casa piazzano il break di 8-0. Lydeka ferma l’emorragia ma Caserta resta avanti sul +5. I giganti mettono la testa avanti: è lastrana coppia Carter-Lawal a trascinare i biancoblu, due triple di Sacchetti ed è sorpasso sassarese. Stipcevic e Carter chiudono il primo tempo dai 6,75: si va negli spogliatoi sul punteggio di 37-42. Al rientro dall’intervallo lungo i padroni di casa mettono a segno un parziale di 11-2 con Bostic e Putney. Stipcevic rompe il digiuno sassarese ma Watt tiene i suoi avanti di misura. Due liberi e tripla: Rok riporta i suoi avanti. Due bombe di Giuri chiudono il terzo quarto 58-53. A inizio dell’ultima frazione Caserta scrive il massimo vantaggio con Berisha, Diawara e Johnson (+13). La reazione biancoblu ha la faccia e la grinta di D’Ercole: Lollo infila due bombe monumentali che accorcia il gap. Stipcevic non trema dalla lunetta, Sacchetti appoggia al ferro: quando restano poco meno di 3’ da giocare il tabellone dice 71-65. Stipcevic e Lawal riportano i biancoblu a un possesso di distanza. Canestro and one di Diawara mentre scorre l’ultimo giro di cronometro. Gaddefors dalla lunetta chiude il match, al PalaMaggiò finisce 77-70.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *