AD ARDAULI, TRA SPORT ED ARCHEOLOGIA, NASCE IL PROGETTO “ARCHEOGIOCANDO”


di Gian Piero Pinna

Ardauli, Tra sport e archeologia: nasce il progetto Archeogiocando. Anche in Sardegna ha preso il via il progetto dell’Unione Italiana Sport per Tutti (UISP) Archeogiocando, una coprogettazione di percorsi sportivi nei siti archeologici per la fruizione attiva del patrimonio culturale.

Il progetto ha valenza nazionale ed è finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nell’ambito della legge 383/2000 – F/2013.

Le iniziative previste, da realizzarsi nelle Scuole Secondarie di 1° grado, coinvolgeranno coinvolgeranno nove Regioni e altrettanti siti archeologici.

Obiettivo del progetto è quello di mettere a punto, attraverso un ciclo di laboratori sperimentali, una proposta educativa nuova, capace di favorire la valorizzazione e fruizione attiva del patrimonio culturale da parte dei giovani, basata sulla coprogettazione di percorsi sportivi nei siti archeologici del territorio.

L’idea è quella di proporre ai giovani dai dieci ai quattordici anni, modalità di fruizione del patrimonio culturale più stimolanti e motivanti, in particolare, quella di esplorare le potenzialità dei siti archeologici del proprio territorio, come spazi di aggregazione a carattere sportivo oltre che di interesse prettamente culturale, e di farsi attori di una coprogettazione dei percorsi sportivo-culturali negli stessi siti.

Gli sport scelti saranno anche frutto di una ricerca sugli sport delle origini, come il tiro con l’arco, la corsa, il salto in lungo, che verrà condotta a scuola come parte integrante del percorso laboratoriale. Laddove possibile, le attrezzature sportive verranno realizzate dagli stessi ragazzi.

Il sito prescelto per la Sardegna è quello relativo alla Tomba Dipinta di Mandras , ubicata ad Ardauli in provincia di Oristano. Si tratta di un ipogeo funerario caratterizzato al suo interno  dalla presenza di singolari elementi pittorici in ocra.

Il monumento, aggredito dalla vegetazione, rischia però di scomparire.

Per evitare ciò, il comitato territoriale di Oristano, coinvolgerà i ragazzi e i professori dell’Istituto Comprensivo di Samugheo – plesso di Ardauli in un ciclo di laboratori attivi che prevederanno dapprima un inquadramento generale sul Neolitico Recente in Sardegna. Successivamente ciascuna classe approfondirà un Tema inerente la vita dell’uomo preistorico che realizzò la Tomba Dipinta di Mandras (IV mill. a.C.). All’interno di ogni percorso didattico, particolare importanza verrà data allo studio delle attività di movimento nella Preistoria.

Il progetto è patrocinato dal Comune di Ardauli, dall’Assessorato del Turismo Artigianato e Commercio della Regione Sardegna e dalla rivista Archeologia Viva. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *