PRO TE, SARDIGNA (PER TE, SARDEGNA)

nella foto l'autore dell'articolo

di Cristoforo Puddu

Pro te, Sardigna,

apo chircadu petivu

s’imbarcu seguru

de s’afilada levante;

isfidadu traschias

cun s’aficu tzertu

de aprodu tejanu

chi, in s’abboju de s’animu,

assèntada currespondhèntzias

de custrintos sensos

e funguda dultzura.

Supridu a Terra,

in sa solidesa de rocarzos,

apo connotu su gosu

fuiditu de su marineri

e s’addolimosu dispedire

cun su coro ispantadu

dae batimosu naigare;

s’atza de ammentos

at miradas de orizonte

e m’imbozat a contivizare

unu durajolu recuire

fintzas si donzi undha

m’istesiat e s’istesiat

in su crarizu de sa note.

A sidhadu de viazu, Sardigna,

apo in sas intragnas

s’atrivida de sa limba

sas feridas de s’istòria

sos tapulos de su tempus

e s’inchizada tua eterna

a làcanas de s’eternidade;

in sa mimòria

unu coroju mai atatu

de mare e de annos

addurat amargu

in sos istedhos de sa note

chi s’apasugan biaitos

a illargare s’irmurinada.

 

Per te, Sardegna, ho cercato frequente un imbarco sicuro nella rotta levante; sfidato tempeste con la certa speranza di un approdo lontano che, nell’eco dell’animo, registra corrispondenze di familiari sensi e profonda dolcezza.

Raggiunta Terra, tra la solidità delle rocce, ho conosciuto la gioia fugace del marinaio e il triste ripartire col cuore meravigliato dal macerato navigare; l’audacia dei ricordi ha barlumi di orizzonte e m’invogliano a coltivare un durevole ritorno malgrado ogni onda mi allontani e s’allontana nello sguardo della notte.

A tesoro di viaggio, Sardegna, mi porto dentro l’azzardo della lingua le ferite della storia i rammendi del tempo e il tuo sguardo eterno che sconfina nell’eternità; nella memoria un dolore insaziato di mare e di anni rimane amaro tra le stelle della notte che s’adagiano sul blu a dilatare il mio imbrunire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *