A PLOAGHE IL 19 AGOSTO, SERATA DI MUSICA E PAROLE PER FABRIZIO DE ANDRE’


evento segnalato da Giovanni Salis

Nuovo appuntamento all’insegna della musica e letteratura con il ricco, variegato e diffuso in tutto il paese, programma della XXXVI° edizione de “I Candelieri e il Ferragosto Ploaghese”, organizzato dal Comune di Ploaghe e dalla Pro Loco. Venerdì 19 agosto, alle 21.00, ai giardini pubblici “Parco delle rimembranze” di Corso Regina Margherita, si terrà il concerto della band “Creuza de Ma” tributo a Fabrizio de Andrè, con Daniele Pistis (basso e voce), Gavino Fonnesu (chitarra), Andrea Pinna (violino e tastiere) e Luca Manca (batteria), e la presentazione del libro “Fabrizio de André e l’isola paradiso”, un viaggio nella Gallura di De André, come non era mai stato raccontato, attraverso interviste foto ed inediti, curato dallo scrittore e giornalista Giovanni Gelsomino, che sarà presente all’incontro con Salvatore Corveddu e il delegato alla Cultura del Comune di Ploaghe Giovanni Salis. L’evento, a ingresso libero, è organizzato con il contributo di “Impresa Edile Eredi Salvatore Manghina”, Fiorista Top Art da Laura Pinna, Cantina Santa Maria La Palma di Alghero e Caffè da Claudio.

“Fabrizio De André e l’isola paradiso”, ovvero un innamoramento lungo 24 anni, con una terra che lo ha accolto, lo ha amato, qualche volta non lo ha capito, ed ha saputo fargli anche molto male. Il libro curato da Giovanni Gelsomino, e pubblicato dall’Almanacco Gallurese Iniziative, narra di un Faber quotidiano, raccontato dai tanti amici che ne hanno condiviso il percorso, prima ancora umano che artistico, dalla Genova degli ultimi, del “letame da cui nascono i fiori”, dei carruggi, dei vicoli in cui raramente penetra il sole, alla Sardegna e alla Gallura della luce e della natura, di quel popolo “fiero e silenzioso” così vicino alle corde più intime di Fabrizio De André.

“Quella in Sardegna è forse la vita migliore che un uomo possa augurarsi, una terra che dovrebbe coincidere con quella che io consiglierei al buon Dio di regalarci come Paradiso» Fabrizio De Andrè.

“Non so quanto la Gallura abbia capito De André. Di sicuro le ha riservato un posto d’onore, che lui ha saputo meritarsi per la sua sensibilità, la sua intelligenza, il suo modo di vivere, la sua voglia di imparare e di stare in mezzo alla gente.” Giovanni Gelsomino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *