IL 15 AGOSTO A PLOAGHE, L’USCITA DEI CANDELIERI E LO SPETTACOLO DI FRANCA MASU

I protagonisti dello spettacolo “Dans d'Amor”: Franca Masu, Fausto Beccalossi e Salvatore Maltana

di Giovanni Salis

Sabato 15 agosto, nella centrale Piazza San Pietro, si terrà il nuovo appuntamento del Ferragosto Ploaghese organizzato dalla nuova amministrazione in collaborazione con la Pro Loco, che prevede alle 18.30 l’Uscita dei Candelieri, dopo la Santa Messa con Processione della B.V. Assunta, a cui parteciperanno la Banda Musicale di Ploaghe e l’Associazione Folklorica Salvatore Manca.

Alle 22.00 invece appuntamento con lo spettacolo “Dansa d’amor” con Franca Masu? (voce) l’esponente più internazionale della lingua e della antica cultura catalana, accompagnata dai musicisti d’eccezione Salvatore Maltana (contrabbasso) e Fausto Beccalossi? (accordeon), che per l’occasione metteranno in scena una raffinata esibizione, un elegante intreccio tra canto, musica e poesia. Ingresso gratuito.

FRANCA MASU, voce

Figlia d’arte e insegnante di lettere riconvertita a cantante appassionata, Franca Masu è l’esponente più internazionale della lingua e della antica cultura catalana ancora vive nel piccolo centro marinaro di Alghero, città di soli 50.000 abitanti nella felice isola della Sardegna, terra che conserva ancora l’eredità dello splendore medievale della Corona catalano-aragonese. Franca Masu cantante autodidatta incontra nel 1996 un gruppo di jazzisti sardi, con i quali comincia a presentarsi al pubblico come vocalist appassionata . Nel 1998 scopre la grande sonorità musicale del catalano, la stessa lingua che, emarginata per tanti secoli, si è conservata nella sua Barcellonetta di Sardegna, Alghero. Nasce così un prima produzione originale in lingua che segnerà il felice percorso dell’artista.

Insieme al produttore Mark Harris, pubblica il suo primo cd “El meu viatge” nel 2000. Questo album si presenta in Catalogna al Mercat de la Mùsica Viva di Vic ed ottiene dalla SGAE e da Radio4 di Barcellona una menzione speciale come miglior opera prima. Anche la rivista Enderrock la qualifica tra le migliori novità, mentre la critica riconosce nella Masu “la vera rivelazione della nuova canzone d’autore catalana”.

Nel 2003 pubblica “Alguímia” (Aramùsica) in collaborazione con il mandolista Mauro Palmas e il contrabbassista Salvatore Maltana.

Franca Masu consolida in questo disco, ricco di suggestioni sonore mediterranee, l’uso della lingua catalana come veicolo di espressione artistica e suscita il successo del pubblico e della grande critica, partecipando a numerosi festival e rassegne internazionali. Con questo lavoro ottiene il premio “Maria Carta” nel 2004, a conferma di una breve ma illuminante carriera.

«Aquamare» (Aramùsica/Felmay 2006) è il suo terzo lavoro. Con questo nuovo progetto la cantante si presenta al pubblico come autrice di quasi tutte le canzoni e denota, ancora una volta, una grande versatilità cimentandosi in brani musicali differenti nello stile, genere e anche nelle lingue. L’album offre all’ascoltatore una lettura particolare, confermata da una selezione musicale aperta alla contaminazione, con composizioni rivolte all’esplorazione di nuovi teritori sonori che convivono con il forte legame per il senso della tradizione.

Oltre alle sfumature jazzistiche miscelate alla caratteristica sonorità mediterranea del suo canto, la Masu mostra anche una speciale predilezione per il Fado, che cura e perfeziona nel tempo e nella cui interpretazione si rivela una delle migliori in Italia, mentre non nasconde anche la sua naturale predisposizione per il Tango argentino. Infatti il suo temperamento passionale l’ha avvicinata in maniera naturale anche al tango argentino. Nel 2004 incontra Fausto Beccalossi, uno dei fisarmonicisti più interessanti della scena italiana ed europea, ed il pianista Oscar Del Barba con i quali si esibisce in diverse e prestigiose occasioni. Insieme, hanno realizzato nel 2008 un album dedicato esclusivamente al tango, intitolato “Hoy como ayer”, che si avvale anche della partecipazione del grande violinista Carlo Cantini, figura di spicco dell’ARKE’STRINGSQUARTET.

Recentemente, il suo interesse si è concentrato anche sul recupero delle antiche immagini filmate nella sua città, Alghero, negli anni dopo la guerra, che mostrano il lavoro dei pescatori e la devozione popolare di questo microcosmo marinaro catalano della Sardegna. Nel 2006 Franca Masu ha realizzato un documentario di montaggio con il titolo “Pregàries”, che oggi è diventato anche un cine-concerto con musiche a cura di Daniele Dibonaventura. Il viaggio, accompagnato dalla voce della Masu, si fa intimo e rivela con forza la consapevolezza dell’artista: conservare l’identità di donna sarda, catalana e nello stesso tempo italiana; pura energia vitale di una “madre mediterranea” dalla voce che seduce, capace di affascinare con la luce e la ricchezza culturale del Mare Nostrum.

Nel settembre 2011 pubblica un cd live entusiasmante: “10 anys”, registrato dal vivo per i tanti palchi del mondo- da Barcellona a Utrecht passando per Roma e per il prestigioso Festival di Porta Ferrada- Franca Masu ripassa e reinterpreta alcuni tra i brani più importanti dei suoi tre album in catalano (El meu viatge 2000, Alguìmia 2003, Aquamare 2006) per celebrare dieci anni di concerti con i temi che indubbiamente hanno segnato la sua traiettoria artistica e che le hanno consentito anche di essere la più grande esponente del canto in lingua catalana di Alghero nel mondo. Questo live contiene anche due inediti in lingua sarda, brani intensi e preziosi che contribuiscono a consolidare la sua identità sarda e allo stesso tempo mediterranea.Tutti i temi sono interpretazioni particolari segnate da improvvisazioni autentiche, con la caratteristica voce personale e forte che sempre ha contraddistinto Franca Masu, con la quale ha dato nuova vita a parole antiche mentre ha saputo vestire di elegante bellezza le nuove storie che lei stessa scrive. 10 anys è un live intenso, generoso e ricco di suggestioni musicali. Un ampio ritratto che svela tutto l’incanto e lo spessore di una grande artista. Per questo album, la rivista tedesca specializzata in jazz e worldmusic Jazzethik, definisce Franca Masu “una figura di donna del Mediterraneo materna e seduttrice, discreta e ribelle, tenera e aspra, sentimentale e sfacciata”.

Nel febbraio 2012 ha terminato le registrazioni del nuovo album che pubblicherà alla fine dell’anno, mentre 10ANYS è stato all’11° posto della TOP20 delle classifiche World d’Europa.

FAUSTO BECCALOSSI, fisarmonica (accordeòn).

Inizia molto giovane lo studio della fisarmonica cromatica con lo stile classico, presso il Conservatorio Statale di Brescia, approfondendo successivamente le tematiche inerenti lo sviluppo dell’improvvisazione jazzistica. Attualmente è unanimemente considerato uno dei massimi specialisti in campo nazionale e internazionale del suo strumento.

Nel corso di un seminario di SienaJazz ’94,viene notato da Enrico Rava, che lo seleziona per un workshop con il gruppo dei migliori allievi del corso senese.

nel ‘97 inizia la carriera da professionista con alcuni gruppi italiani quali:Gramelot di Simone Guiducci , Bombardieri quartet , Nuevo Tango, Otello Savoia quartet.

Negli ultimi anni ha collaborato e registrato con alcuni fra i migliori musicisti dell’area jazzistica italiana ed internazionale tra cui: Wheler, Gibellini, Mirabassi, Pietropaoli, Fresu, Negri, Maria Pia De Vito ecc. Nel 1999 inizia a collaborare col nonetto di Gianluigi Trovesi. Oltre all’intensa attività concertistica registra numerosi cd anche di musica leggera.Nel 2002 viene chiamato da Lito Epumer ,chitarrista argentino che vanta grandi collaborazioni a livello mondiale, per registrare col suo quartetto il cd Nehuen a Buenos Aires.Nei primi mesi del 2003 è uscito il secondo cd del Nuevo Tango.

SALVATORE MALTANA, contrabbasso

suona il contrabbasso, basso elettrico e contrabbasso elettrico. Nato ad Alghero nel 1974, si è formato sotto la guida dei maestri del giovane jazz italiano tra cui Attilio Zanchi, Tino Tracanna, Paolo Fresu. Ha studiato frequentando per lungo tempo i Seminari jazz di Nuoro. È attivo fin da giovanissimo nell’area jazzistica sarda e, dal 1987 segue parallelamente l’attività concertistica e discografica di Favata.

Nella sua carriera ha partecipato a numerosissime rassegne musicali di eccellente livello.

Una risposta a “IL 15 AGOSTO A PLOAGHE, L’USCITA DEI CANDELIERI E LO SPETTACOLO DI FRANCA MASU”

  1. Augurios de Mesaustu
    In Sardigna ogni ’idda at unu nuraghe
    ma sos candhaleris los ant ebbia Piaghe,
    Tàttari, Nulvi e Iglesias in Campidanu.
    In custos logos a Mesaustu si ponet manu
    a-i custos chereos mannos e pesantes
    chi essint pro ammentare a sos abitantes
    (narant sos libberos) chi sa peste una ’olta
    tzente meda cundannaiat a esser molta.
    Sos chi ant evitadu sa moltale maladia
    sos candhaleris pro ringrasciamentu
    ant fabricadu, de propositu non lèbios.
    Dunca, cando est Mesaustu sos augurios
    deo, piaghesu, los fatto cun custu ammentu
    augurende de lu passare in bona armonia!
    Paulu Pulina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *