CAGLIARI, PALCOSCENICO A CIELO APERTO: LA CAPITALE ITALIANA DELLA CULTURA 2015 OSPITA EVENTI, MOSTRE, SPETTACOLI, CONCERTI, LABORATORI E ORIGINALI PERCORSI

nella foto da sinistra: Massimo Zedda, Enrica Puggioni, Francesca Ghirra

di Sara Isola

Tutti sono invitati a partecipare attivamente agli appuntamenti previsti nel capoluogo dell’isola , dai cittadini ai turisti, dagli operatori culturali ai nomi più noti nel panorama internazionale.

Il sindaco di Cagliari Massimo Zedda, l’assessore alla cultura Enrica Puggioni, la Presidente della Commissione Cultura Francesca Ghirra, la Coordinatrice Artistica di Cagliari 2015 M.Paola Zedda e infine la Direttrice dei Musei Civici Anna Maria Montaldo hanno presentato il programma, previsto per l’estate cagliaritana

“Questo programma è un assaggio di un’iniziativa più ampia, per promuovere la città di Cagliari per tutto il 2015 e oltre, a livello Europeo, Internazionale e Nazionale nell’ambito della cultura e non solo in ambito turistico”  ha spiegato il Sindaco Zedda. In linea con le parole del primo cittadino, l’assessore alla cultura Enrica Puggioni “tutto quello che presenteremo oggi nasce dal capitale di idee, progetti, esperienze, successioni e modelli che si sono sviluppati in questi anni e continuano ad evolversi nel tempo creando forti collaborazioni destinate non soltanto a promuovere l’immagine di Cagliari come metà balnare ma come luogo di produzione culturale, di formazione e di conoscenza”.

Il tema principale è quello della “cultura” inteso in termini più ampi e non nella sua accezione più semplice. Il vocabolo deriva dal latino e letteralmente viene tradotto come coltivare, successivamente venne esteso a situazioni che richiedevano un assidua cura ma nella sua accezione più contemporanea rappresenta: il complesso di tradizioni e saperi che ogni popolo considera essenziale e adeguato per la trasmissione alle generazioni future. Il filo conduttore di questo programma è quello di unire le diversità che compongono la città attraverso l’arte coinvolgendo le abitazioni private, le piazze, i giardini, i quartieri, i musei e i teatri.

Il progetto “space in the place” è un laboratorio di sperimentazione e produzione dell’arte in generale, resterà attivo fino alla fine dell’anno. L’obbiettivo è quello di trasformare lo spazio in luogo dove poter condividere e fare esperienza.

Il programma “Hause is open” è nata dalla disponibilità dei cittadini di offrire le proprie terrazze e balconi per ospitare dei concerti e delle performance.

Si continua con i percorsi di arte pubblica che saranno un occasione unica per i cittadini e i turisti di fare un esperienza culturale con artisti di fama internazionale come il musicista Mike Cooper, il coreografo Enzo Cosimi e il fashion designer Fabio Quaranta. Cooper  creerà un percorso sonoro campionando i suoni delle aree del Parco di Molentargius per poi contestualizzarli in altri ambienti urbani. Cosimi e Quaranta fondono la loro arte per realizzare un progetto che si ispira all’opera “La Venere degli stracci” di Michelangelo Pistoletto.

Poi “Il Segno del Cinema” è una mostra inedità per la città, ospiterà nella zona di Castello ben 14 mastri del cinema italiano che esporanno per la prima volta il loro percorso creativo per la realizzazione dei film.

Un altro appuntamento importante a cura dei Musei Civici, in autunno, nato dalla collaborazione con il museo dell’Ermitage di San Pietroburgo per riflettere sulle relazioni tra le civiltà dal Caucaso e al Mediterraneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *