L’AUTUNNO 2014 NELL’ISOLA E’ STATO DA RECORD CON SICCITA’ E CALDO ANOMALO


Secondo gli esperti dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Sardegna  (Arpas), il trimestre settembre-novembre 2014 si è caratterizzato per le intense condizioni siccitose che hanno interessato buona parte del periodo e per le anomale e persistenti temperature elevate. Le centocinquanta stazioni di rilevazione dislocate in tutto il territorio sardo  hanno registrato pochissima pioggia con valori che  si collocano in prossimità  di quelli minimi registrati nel trentennio climatico 1971-2000.    A settembre e ottobre i cumulati mensili hanno raramente superato i 10 mm in buona parte dell’isola, dove spiccano le mosche bianche di Decimomannu (54.7 mm) e Dolianova (67.0 mm). A novembre, sebbene in misura inferiore rispetto ai valori medi climatici, su buona parte dell’isola si è registrata una ripresa delle precipitazioni con effetti si differenziano tra le diverse zone del territorio. Nelle tre province meridionali e in Gallura i cumulati mensili sono stati inferiori a 80 mm, su buona parte delle provincie di Ogliastra, Nuoro, Oristano e Sassari le piogge sono state leggermente più abbondanti, raggiungendo i 100 mm, mentre su alcune aree della Sardegna Nord-occidentale, tra le provincie di Sassari e di Oristano, i cumulati hanno superato i 100 mm, con alcuni picchi compresi tra 140 e 200 mm circa. Tranne che in questi ultimi territori, si è trattato tuttavia di piogge deficitarie rispetto alla climatologia, spesso inferiori anche alla metà della media di novembre. Il giorno più piovoso è stato l’11 quando le precipitazione hanno raggiunto 102.8 mm a Siniscola, 79.4 mm a Orosei e 53.8 mm a Dorgali. Nella stessa giornata le piogge hanno raggiunto i 33.2 mm/20min a Siniscola. Un altro giorno piovigginoso è stato il 17, con cumulati sino a 42.6 mm nella stazione di Usini. E’ stato un autunno anomalo anche per le temperature: nel trimestre autunnale si è assistito ad un anomalo incremento dei valori rispetto a quelli tipici del periodo, rappresentati dalle medie calcolate sugli anni 1995-2008. Nel mese di settembre, le medie mensili delle temperature minime hanno raggiunto circa 20 °C nelle zone costiere e nell’area di Cagliari, con anomalie positive di circa +1 °C su tutta l’Isola, mentre le  medie delle massime hanno superato i 30 °C nel Campidano e nella Valle del Tirso, circa 3 °C al di sopra delle medie climatiche. Nei giorni 19 e 20 di settembre si sono misurati 38.7 °C, 38.5 °C e 38.4 °C rispettivamente nelle stazioni di Palmas Arborea, Ozieri e Ottana. Anche nel mese diottobre le temperature minime sono state superiori alla media di circa 1 °C mentre le massime hanno registrato marcate anomalie, comprese tra 3 °C e 3.5 °C. Il giorno 9 si sono registrate le massime giornaliere più elevate: Ottana 36.3 °C, Palmas Arborea 35.7 °C, Berchidda 35.3 “C, mentre circa il 65% delle stazioni registrava temperature sopra 30 ‘C. Anche nel mese di novembre le medie delle temperature sono state superiori alla media, stavolta in maniera più marcata, fino ai +2.5/+3 °C circa. Le medie delle massime hanno raggiunto valori eccezionalmente elevati, corrispondenti ad anomalie tra 3 “C e oltre 4°C. La giornata più calda è stata il 4, quando le massime hanno raggiunto 28.4 °C a Dorgali, 28.0 ‘C ad Arzachena e 27.3 ‘C a Valledoria.  In tutti e tre i mesi, pertanto, le temperature sono state sensibilmente superiori ai corrispondenti valori medi tipici del periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *