ARDAULI, ALLA SCOPERTA DELL'ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE CON L'ASSOCIAZIONE PALEOWORKING


di Gian Piero Pinna

Per tre giorni dal 24 al 26 maggio prossimi, ad Ardauli, sulle sponde del  lago Omodeo, in località S’Irighinzu, a cura dell’Associazione Paleoworking, si terrà la quinta giornata dell’Archeologia sperimentale. I temi archeologici, saranno abbinati a quelli ecologici, in quanto l’evento è inserito all’interno delle eco-manifestazioni, cofinanziate dalla Regione Sardegna. L’eco-gara di tiro dinamico con l’arco, che si svolgerà domenica 26 maggio alle ore 9.30, rappresenta la novità più interessante della manifestazione. Si tratta di un evento a basso impatto ambientale, grazie a una macchina alimentata a energia solare e bersagli con materiale riciclato. Nei tre giorni di manifestazioni, si svolgeranno dei workshop sulle tecnologie litiche e sulle tecnologie dei metalli, in collaborazione con l’Università di Sassari.

Esperimenti, esperienze, educazione: seguendo il percorso di valorizzazione dell’archeologia, per domenica 26 maggio, accanto alla eco-gara, sono previsti dei laboratori didattici e un seminario informale con la presenza di diversi studiosi: Ignazio Camarda e Anna Depalmas dell’Università di Sassari; Alfonso Stiglitz, Angela Antona, Antonio Usai, Vittorio Brizzi, Cinzia Loi; Francisco Carrion Mendez, Juan Antonio Camara Serrano, dell’Università di Granada.

Ci saranno, inoltre, mostre e fumetti e spazio anche per la Mostra naturalistica del Monte Arci a cura dell’Ente Foreste della Sardegna e quella dell’ambiente del Sic a cura del Centro didattico ambientale di Sedilo. Di particolare interesse sarà l’workshop sul fumetto, dove il cartoonist Enzo Marciante illustrerà la preistoria della Sardegna attraverso il dinamico linguaggio del fumetto.

La manifestazione è finanziata dal Comune di Ardauli e dalla Regione Autonoma della Sardegna, con il patrocinio del Ministero dei beni culturali, dell’Università degli studi di Sassari, del Departamento de Prehistoria y Arqueología, dell’Università de Granada, del Centro Interdipartimentale per la conservazione e valorizzazione della Biodiversità Vegetale dell’ Università di Sassari, gode del patrocinio della Provincia di Oristano e dell’Associazione UISP – Sport per tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *