SINERGIA NELLA SOLIDARIETA' TRA L'ASSOCIAZIONE "PILLOLE DI PAROLE" E "L'ASSOCIAZIONE CULTURALE SARDA IN TOSCANA" A FIRENZE PER IL MERCATINO DI NATALE


di Vittoria Hayun

Colli, cappelli, collane, orecchini, porta penne, libri e tanto altro! Così si presenta il mercatino svoltosi presso l’Associazione Culturale Sardi in Toscana organizzato dai ragazzi di Pillole Di Parole.  L’associazione Pillole Di Parole è un’associazione di giovani ragazzi dislessici, che hanno deciso di fare informazione  sulla loro “caratteristica” non solo con l’aiuto degli esperti, ma anche tramite la propria testimonianza. Il progetto è bello ed ambizioso, ma come tutti i bei progetti bisogna trovare un modo per finanziarsi e da qui nasce  l’idea del mercatino. I ragazzi, le mamme e le nonne si sono rimboccati le maniche e si sono messi a lavorare per mesi per produrre idee originali da poter vendere. Entrando al “Mercatino Natalizio”, nella bellissima sede ACSIT, ci troviamo davanti due grandissimi tavoli imbanditi e un tavolino un po’ più piccolo con tutto il materiale informativo. La stanza è rallegrata dal sottofondo di musiche natalizie e piena di gente che guarda che prova che ammira. Amici, parenti sconosciuti, inglesi e spagnoli. Un sacco di ragazzi giovani che scherzano che ballano, che si scambiano i regali di natale, un’occasione per ritrovare amici che non si vedevano da tempo, oppure fare shopping con le amiche di sempre, o passare una giornata con il fidanzato che deve sorbirsi tutti i regali natalizi. ACSIT e PDP hanno messo in piedi un mercatino allegro e informale. Parlando con Fiorella Maisto, Vice presidente dell’associazione ACSIT, ci dice “Abbiamo deciso d’ospitare questi ragazzi perchè ci ha colpito la loro determinazione e la loro voglia di sognare” Filippo, vice presidente, di Pillole Di Parole, ci racconta “Abbiamo fatto un convegno sulla Dislessia a Giugno ed ha riscosso molto successo. Un bambino ha detto a me e Vittoria, se essere dislessici vuol dire questo, allora non è così male essere dislessici. Io e la Vitto ci siamo guardati e ci siamo detti, il nostro lavoro non può finire qui ed eccoci qui. Ed ecco che il 17 Settembre abbiamo fondato PDP, la nostra creatura!” Ecco come hanno svolto il 22 Dicembre Dislessici e Sardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *