SFIDA TRA CALICI SARDI E SPAGNOLI CON IL "CARIGNANO" CONTESO: TRE GIORNI DI FULL IMMERSION A CAGLIARI DAL 16 AL 18 NOVEMBRE


di Maria Grazia Marilotti

”Che si chiami garnacha tintorera o grenache il Cannonau nasce in Sardegna e parla sardo da più di 3500 anni”. L’enologo cagliaritano Enzo Biondo lo ha messo nero su bianco nel suo volume ”Cannonau: mito di Sardegna” e lo ribadirà alla tre giorni del Forum Hispano-Sardo sulla cultura del vino, in programma da venerdì 16 a domenica 18 novembre a Villa Muscas, a Cagliari. Sarà l’ex Regia Scuola di Viticoltura ed Enologia ad accogliere la kermesse vitivinicola che vedra’ alternarsi esperti e produttori sardi e spagnoli in una full immersion dai caratteri di una sfida all’ultimo calice. Protagonisti la Gallura, patria dei Vermentini, il nuorese con i grandi rossi, in primis il Cannonau, il Sulcis specializzato nella produzione del Carignano, l’oristanese con il vitigno più antico, la Vernaccia, ancora Nuragus e Monica, Malvasie e il principe dei vini bianchi da dessert, il Nasco. Oggetto della disfida tra enologi sardi e spagnoli resta ancora la terra natale del Carignano e del suo omologo Cariena. Ovvero se il vitigno sia autoctono o arrivato in Sardegna con le navi dei dominatori spagnoli. E svelare a chi si deve la sua fortuna. Castiglia La Mancha e Sardegna: c’e’ un sottile filo rosso che unisce la patria del leggendario Don Chisciotte all’isola dei nuraghi: quel pregiato nettare tanto caro al dio Bacco. E’ dedicata alla scoperta delle comuni radici nella coltivazione e nella produzione del vino la manifestazione organizzata dalle associazioni Caribe e Hispasar composta da soci spagnoli e sardi e l’iberica Dabo. La mattina parlano gli esperti, oltre a Enzo Biondo, i produttori Antonello Pilloni, Davide Orro e colleghi spagnoli. Ma a dire l’ultima parola, il pomeriggio, saranno soprattutto i vini prodotti in cantine e ‘bodegas’ con le proprie fragranze, colori e sfumature a cui fanno da contorno insaccati, formaggi e conserve. Un momento curioso e’ riservato alla dimostrazione sul taglio a mano del prosciutto a cura di un noto esperto spagnolo, il maestro Joaquim De La Calzado. ”Rilanciare sul mercato prodotti di ottima qualita’ troppo spesso offuscati da marchi noti e maggiormente pubblicizzati e’ uno dei nostri obbiettivi”, sottolinea Roberto Intina. La Sardegna vanta ben 150 vitigni autoctoni classificati. Il Cannonau e’ presente in quasi tutti i comuni con oltre 7 mila ettari coltivati. ”Sono lontani gli anni in cui il vino sardo veniva venduto sfuso e anonimo ‘bianco’ o ‘nero’ – aggiunge Enzo Biondo – Negli ultimi 15 anni in Sardegna vengono prodotti vini di qualità così alta da competere a livello mondiale. Resta una constatazione amara: abbiamo il vitigno più importante e più coltivato al mondo, ma il marketing non e’ di casa in Sardegna. La fortuna internazionale del Cannonau si deve ai francesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *