LA "SOLIDARIETA' CONCRETA" DEL CIRCOLO "SU NURAGHE" DI BIELLA: L'11 LUGLIO L'ESPOSIZIONE FOTOGRAFICA "L'INDIA CHE ABBIAMO DENTRO"

Solidarietà concreta del "Su Nuraghe" di Biella a un villaggio nei pressi di Khajuraho in India

di Simmaco Cabiddu

Mercoledì 11 Luglio 2012, dalle ore 18,30, a Biella, in via Orfanotrofio, 23/a, esposizione fotografica: “L’India che abbiamo dentro”. Aperitivo + finger food con sottofondo musicale indiano. Una proposta per trascorrere una serata diversa, un viaggio ipotetico all’interno di un paese dai mille volti. Per osservarne le caratteristiche e le meraviglie. “Per immergerci nel calore di una terra che ha molto da raccontare – affermano gli amici dell’Associazione Padre Zola – per scoprirci nuovi, arricchiti e… neanche così lontani”.

Il “contatto” tra il vasto “continente” indiano e i Sardi di Biella è avvenuto alcuni anni fa con Enrico Maolu, i suoi viaggi in India e il suo impegno in attività benefiche, in particolare con la Missione Salesiana di Don Bosco a Bangalore dove Enrico ha collaborato con Padre Thomas Vailatt e con Padre Georg Mouttahparambilla, entrambi impegnati nel recupero di bambini di strada.

Dopo la sua prematura scomparsa, presso il Circolo Culturale Sardo è stata attivata una sottoscrizione permanente in “memoria di Enrico” per sostenere i progetti da lui proposti e condivisi. Recentemente, i familiari di Enrico, mamma sorella e nipote, con il presidente di Su Nuraghe, Battista Saiu, hanno portato sostegno diretto e concreto alla Scuola Primaria Braminica di Khajuraho (una missione umanitaria guidata dalla famiglia del maestro Ram Prakash Sharma) e a un villaggio vicino, nello stato del Madhya Pradesh, a 600 km a sud di Delhi.

Mercoledì 11 luglio, durante la serata di solidarietà e conoscenza, organizzata dall’Associazione Padre Renzo Zola, sarà possibile degustare un aperitivo + finger food con sottofondo musicale indiano, € 10,00. Il 40% dell’incasso della serata verrà devoluto per i progetti dell’associazione.

L’Associazione è nata grazie all’impegno di un gruppo di parenti e famiglie che hanno conosciuto Padre Renzo Zola, con l’intento di sostenere nel tempo i suoi progetti. Fiore all’occhiello è il “Sostegno a distanza”, un aiuto concreto rivolto ai bambini poveri, un atto di solidarietà che garantisce, ai bambini e alle loro famiglie, un aiuto economico e un futuro più sereno.

Attualmente l’Associazione gestisce, grazie alla sensibilità di molte persone, 172 sostegni a Wellington (Tamil Nadu) dove Padre Renzo ha vissuto i suoi ultimi 25 anni di vita.

Info per adozioni a distanza: si può telefonare direttamente a Bruno, 0115 352792  – info@padrerenzo.org

Eventuali contributi possono essere versati direttamente al Circolo o tramite il c/cp 12892113  intestato a Su Nuraghe, specificando: “Contributo in ricordo di Enrico Maolu”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *