LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO "SA TUNDA" DI SALVATORE LOI NELL'APPUNTAMENTO CULTURALE DEL 15 MAGGIO CON L'ASSOCIAZIONE "DEU SEU SARDU" DI TERNI


di Lucia Tanas

L’Associazione culturale “Deu seu Sardu”, insieme alla Biblioteca Comunale di Terni presentano il Martedì 15 Maggio ore 17:00 a TERNI presso il Caffè Letterario della Biblioteca Comunale – Piazza della Repubblica, 1 il libro: “SA TUNDA“ Pane di Sardegna Alimento Salario Simbolo di Salvatore Loi editrice Domus de Janas.

Sarà presente l’autore. Interviene la prof.ssa Carla Cicoletti docente dell’Università di Perugia, Polo Scientifico di Terni.

Il bello e il buono del pane tunda riguardano le forme quotidiane del suo esser cibo – salario – simbolo di memorie identitarie. Il buono e il bello di questo pane toccano inoltre le sue strade e certi modi propri dei suoi percorsi: nello spazio e nel tempo. Gli itinerari narrativi proposti per questo cibo quotidiano dall’interessante studio di Salvatore Loi consentono d’attraversare Domus de Maria, Sant’Anna Arresi e Teulada, luoghi specifici della produzione e del consumo di questo pane, specialmente nell’arco storico dal 1920 al 1940. Si tratta di tempi cruciali. Dal 1922 quegli anni – attraversando l’epoca fascista rurale, industriale, bellica – giungono all’inizio della seconda guerra mondiale: un periodo d’intense crisi e d’importanti cambiamenti di modi di vita e di relazioni umane. Nel bello e nel buono di questo pane c’erano estetiche e valori che riguardavano relazioni subite e in vari casi congiuntamente agite, modulate e temperate. Il pane guadagnato era incorporato con una pedagogia, e con una correlata precettistica locale, che fin da bambini indicava il valore di parai s’atza, vale a dire di opporsi con coraggio alla prepotenza altrui per non farsi sottomettere……. dalla prefazione di Paola Atzeni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *