NUOVA CONTINUITA’ TERRITORIALE: FORSE SI PARTE A MAGGIO. LA PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE IN REGIONE SCADE L’11 APRILE


ricerca redazionale

La nuova continuità territoriale fra gli scali sardi di Cagliari, Alghero e Olbia e quelli italiani di Roma e Milano potrebbe partire poco prima dell’estate tra maggio e giugno. Alla mezzanotte dell’11 aprile la Regione, che ha chiesto alle compagnie aeree di prorogare l’attuale regime dal 25 marzo sino alla definizione della procedura di gara, riceverà le offerte in busta chiusa da parte dei vettori interessati a garantire gli oneri di servizio pubblico.  Con l’asta però, dopo che è andata deserta la gara per l’accettazione degli stessi oneri senza compensazione economica, si andrà a verificare le offerte al ribasso sulla compensazione per la quale la Regione Sardegna ha stanziato 56 milioni di euro. Si tratta della cosiddetta Ct1, ossia la prima fase della nuova continuità territoriale, che prevede una tariffa unica tra residenti e non residenti in Sardegna fissata in 45 euro a tratta per persona da e per Roma e in 55 euro da e per Milano.  Le compagnie che si aggiudicheranno il monopolio delle rotte dovranno modificare gli operativi e ampliare la frequenza dei voli e per far questo si dovrà quindi attendere almeno sino a maggio. Riguardo, invece, alla continuità territoriale 2 (ct2) fra gli scali sardi e gli altri principali scali italiani ci dovrebbe essere una proroga sino al prossimo autunno quando il nuovo regime potrebbe entrare in vigore con la stagione invernale compresa tra ottobre 2012 e marzo 2013. La gara per l’accettazione degli oneri di servizio pubblico potrà essere fatta con le risorse restanti dall’assegnazione delle rotte per la Ct1 sulla base delle risorse già stanziate, 56 milioni di euro complessivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *