A SEDRIANO (MI) ESITI MOLTO LUSINGHIERI PER LA MOSTRA "FRATELLI D'ITALIA" PROPOSTA DAL CIRCOLO "AMEDEO NAZZARI" DI BAREGGIO

il tavolo dei relatori per il convegno sul 150° dell'Unità d'Italia
il tavolo dei relatori per il convegno sul 150° dell'Unità d'Italia

di Paolo Pulina

 La mostra “Fratelli d’Italia. 150° anniversario dell’Unità d’Italia celebrato per immagini”, allestita a Sedriano (comune di 10.000 abitanti in provincia di Milano), presso la sala “Mario Costa”,  dal 1°  al 10 ottobre 2011, ha registrato un gran numero di visitatori.

L’esposizione è stata voluta dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Alfredo Celeste, che si è avvalso del fondamentale apporto organizzativo offerto dall’associazione culturale sarda “Amedeo Nazzari” operante nei vicini comuni di Bareggio-Cornaredo e di cui è presidente  Franco Saddi.

All’inaugurazione della mostra era intervenuta, oltre il sindaco Celeste e il presidente Saddi,  anche  Serafina Mascia, vice-presidente della FASI (Federazione delle Associazioni Sarde in Italia), cioè dell’organizzazione dei circoli sardi nell’Italia  continentale che ha ideato, progettato e realizzato l’esposizione, in piena intesa con la Regione Autonoma della Sardegna.

Alla “vernice” della mostra la presentazione era stata affidata a Luca Paulesu e a Bruno Culeddu, rispettivamente direttore artistico  e coordinatore generale dell’iniziativa (esposizione e ricchissimo catalogo edito da Giunti di Firenze).

Il comunicato ufficiale degli organizzatori  di Sedriano, capillarmente diffuso attraverso il sito Internet e il periodico del Comune, ha sintetizzato in questo modo la finalità dell’esposizione: «I 140 artisti in mostra offrono un modo inconsueto e una chiave di lettura stimolante per  inquadrare il  processo di unificazione nazionale e forniscono l’occasione  per una riflessione sulla rinnovata capacità evocativa dei  concetti di Patria, libertà e solidarietà che animarono ed ispirarono gli ideali etici e politici del Risorgimento».

Nel pomeriggio di domenica 9 ottobre, davanti a un folto pubblico,  dopo i saluti di Franco Saddi, del sindaco Celeste, dell’assessore all’ istruzione e cultura  Silvia Scolastico, il prof. Luciano Carta (storico,  docente di  storia e filosofia) e Tonino Mulas (presidente nazionale della FASI) hanno svolto  due relazioni con cui sono state approfondite le questioni relative alla storia della Sardegna nei 150 anni dell’Unità d’Italia.

Carta ha illustrato la figura e l’opera di due grandi intellettuali sardi nell’Unità d’Italia: Giovanni Battista Tuveri e Giovanni Spano. Del primo, giornalista e polemista, è stata ricordata la specificità della sua teorizzazione politica, oggi di grande attualità, del federalismo; del canonico Spano Carta ha  posto in risalto il ruolo centrale da lui avuto, in quanto uomo di cultura, come artefice  sia del consolidamento dell’identità sarda nel quadro dell’Unità nazionale sia di  una formidabile opera di divulgazione della realtà sarda nell’Europa ottocentesca. 

Tonino Mulas ha sottolineato  come la Sardegna abbia  dato i natali a molte grandi personalità che hanno dato, nei loro specifici ambiti di azione, un contributo fattivo allo sviluppo dell’ unità nazionale italiana. Ebbene, ha osservato Mulas, spesso si dimentica che questi importanti personaggi erano “emigrati”:   Giorgio Asproni, Grazia Deledda, Lao Silesu, Antonio Gramsci, Emilio Lussu, Antonio Segni, Francesco Cossiga, Enrico Berlinguer, Amedeo Nazzari.

Al termine del convegno applaudita  esibizione del “Gruppo folk Amedeo Nazzari” di Bareggio-Cornaredo.

Una risposta a “A SEDRIANO (MI) ESITI MOLTO LUSINGHIERI PER LA MOSTRA "FRATELLI D'ITALIA" PROPOSTA DAL CIRCOLO "AMEDEO NAZZARI" DI BAREGGIO”

  1. Volevo fare i complimenti a coloro che gestiscono TOTTUS IN PARI. Oggi rappresenta lo strumento migliore che mette in risalto la forza e la vivacità del mondo dell’emigrazione sarda. Anzi, in tutti questi anni, non c’è stato nessuno che meglio fa e ha fatto di quanto fate voi! Saluti dalla Germania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *