POESIA IN LIMBA: CHE BALENTES

Bandhera de Arbarèe
Bandhera de Arbarèe

di Cristoforo Puddu

CHE BALENTES

Su sole at ammentos de cras,

at sinnos diligos de contivizare

candho sa die iscradiat in sa notte.

S’ecu de tebios lampizos

imbentat su lugore chi carignat su tempus

cun sa boza de sonnios e vida

comente istorias de Nur e Arbarèe.

Traitos dae sinnos anzenos

e irmentigos de ateras istajones

-imprentadas in sa dignidade de s’identidade-

vivimus che pessones disimparadas

a essere meres in domo issoro;

guvardos de appartennere a su cras

in sas atziones e in sos pessos

de una Sardigna cumprida,

in sa cussentzia atzuda

de illacanare s’orizonte

de su mundhu chi avreschet.

E como -che balentes noos-

at a essere tempus

de crarizare intro ‘e nois

e currere addainanti cun pes nostros

pro sestare sas carrelas de oe,

pro essere ascra de umanidade.

*(Pro su 17 martu de su 2011)                                                                               Cristoforo Puddu

C.P.

(Il sole ha pensieri di futuro,

ha delicati significati da coltivare

quando il giorno cade nella notte.

L’eco di tiepidi raggi

inventa la luce che penetra il tempo

con il suo desiderio di sogni e vita

come storie di Nur e di Arborea.

Traditi dalla vita globalizzata

e dimentichi di altre stagioni

-segnate dalla dignità identitaria-

viviamo come persone disabituate

ad essere padroni in casa propria;

timorosi di appartenere al futuro

nell’azione e nel pensiero

di una Sardegna compiuta,

nella coscienza audace

di sconfinare l’orizzonte

del mondo che albeggia.

E adesso -come nuovi balentes-

 è giunto il tempo

di scrutare dentro di noi

e correre con i nostri piedi

per tracciare i sentieri d’oggi,

per essere parte di umanità.)                                 

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *