IL SARDO CHE FACEVA IL SICILIANO: ADDIO ALL'ATTORE TIBERIO MURGIA

Tiberio Murgia
Tiberio Murgia

ricerca redazionale

È morto, all’età di 81 anni, Tiberio Murgia, uno dei più popolari caratteristi del cinema italiano. Sardo, oristanese, è stato identificato con il prototipo del siciliano geloso e sciupafemmine, ruolo che aveva creato Monicelli per il film “I soliti ignoti”. Murgia era malato da alcuni mesi e si è spento ieri in una casa di cura per anziani vicino Tolfa (Roma). Nato a Oristano il 5 febbraio 1929, è noto al grande pubblico grazie al regista Mario Monicelli che gli affida il ruolo di Ferribotte, il possessivo immigrato siciliano nel capolavoro della commedia all’italiana ‘I soliti ignoti’ del 1958. Un personaggio per il quale viene doppiato, ma a cui resterà fedele nonostante le sue origini, proponendolo anche nella pubblicità: Murgia sarà infatti per molti anni testimonial di una nota marca di caffè nei caroselli televisivi. Sempre nei panni di Ferribotte prende parte al sequel de ‘I soliti ignoti’ (‘Audace colpo dei soliti ignotì) diretto da Nanni Loy nel 1960 e, sempre al fianco di Marcello Mastroianni e Vittorio Gassman, conclude la saga nel 1987 con il film di Amanzio Todini, ‘I soliti ignoti vent’anni dopo’. Sempre per la regia di Monicelli prende parte, nel ruolo secondario del soldato Nicotra, ne ‘La grande guerra’ del 1959 e, al fianco di Monica Vitti, ne ‘La ragazza con la pistola’ del 1968. Per la regia di Sergio Corbucci è al fianco di Totò ne ‘Il giorno più corto’ del 1962 mentre nel 1961 aveva recitato a fianco di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia nel film ‘L’onorata società’. Nel 1966, per la regia di Vittorio De Sica, veste i panni di un detective nella ‘Caccia alla volpe’. Nel 1988 partecipa al film giallo per bambini ‘Operazione pappagallo’, opera prima del regista romano Marco Di Tillo, su sceneggiatura di Piero Chiambretti, Claudio Delle Fratte e dello stesso Di Tillo. In quel film, per la prima volta nella sua vita, non viene doppiato ma parla con la sua inflessione sarda. Nel 2001, al fianco di Nino Manfredi, Murgia interpreta un ruolo secondario nel film di Diego Febbraro ‘Una milanese a Roma’ e prende inoltre parte alla commedia di Vincenzo Terracciano ‘Ribelli per caso’, assieme ad Antonio Catania. Nel 2008 interpreta una piccola parte nel film ‘Chi nasce tondo’ di Alessandro Valori, al fianco di Valerio Mastandrea. Quest’anno ha fatto parte del cast della serie di Raiuno ‘Tutti pazzi per amore’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *