FRANCO MANCA, ASSESSORE DELLA REGIONE SARDEGNA, OSPITE IN ARGENTINA DEL CIRCOLO SARDO DI TUCUMAN

cena di gala per Franco Manca fra i soci del circolo sardo di Tucuman
cena di gala per Franco Manca fra i soci del circolo sardo di Tucuman

di Sara Paz Vargiu

L’Assessore al Lavoro della Regione Sardegna, Franco Manca, in compagnia di Pino Dessì, componente del Comitato di Presidenza della Consulta per l’Emigrazione, ha visitato il circolo sardo di Tucuman, nel nord ovest dell’Argentina. Ad accoglierlo, il Presidente del circolo locale, Sara Paz Vargiu in compagnia del consultore Vittorio Vargiu.  I due ospiti giunti dalla Sardegna hanno così potuto visitare una terra meravigliosa come quella dell’Argentina. L’accoglienza dei soci del circolo è stata calorosa. Le parole di benvenuto di Sara Paz Vargiu hanno messo in rilievo l’importanza dell’incontro che serve soprattutto a rinsaldare il legame degli emigrati sardi che vivono lontano con la loro terra natia. E’ stata anche l’occasione per i più giovani per apprendere qualche nozione in più sulla storia delle loro origini. L’assessore Manca, commosso per l’accoglienza, ha ringraziato evidenziando come la Regione Sardegna si stia muovendo per sostenere fortemente i suoi emigrati e i loro discendenti. Anche i soci sono voluti intervenire nel corso della giornata. Come la giovane Leonarda Toro Pinna che ha raccontato la sua personale vicenda, rimembrando la storia dei suoi nonni che hanno lasciato la Sardegna e quanto sia importante per le persone come lei, che non l’hanno conosciuta, mantenere vive le tradizioni e il legame affettivo che le è stato tramandato. Il suo intervento ha fatto scendere qualche lacrima a diversi soci presenti. Momento ricreativo infine, con i maestri di ballo del circolo di Tucuman, Diego Espinosa e Maria Ines Juarez che hanno dato un saggio della loro bravura artistica. I giovani soci dell’associazione, Renzo Spuches (Vice Presidente) e Jessica Saurral, hanno consegnato agli ospiti giunti dall’Italia, una targa ricordo per la loro esperienza in terra d’Argentina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *