IL RILANCIO DEL MUTUO SOCCORSO: L'INIZIATIVA DEL CIRCOLO "SARDI UNITI" DI BUENOS AIRES

Cesare Meridda, Presidente al "Sardi Uniti" di Buenos Aires
Cesare Meridda, Presidente al "Sardi Uniti" di Buenos Aires

di Cesare Meridda

Agli inizi del nuovo millennio l’America del Sud sprofondava in una instabilità economica senza precedenti. Si manifestavano i paradigmi delle economie globalizzate. Venivano adottate misure drastiche che si realizzavano con forti riduzioni della spesa pubblica, con il “corralito”, ecc.. Il mondo ci guardava e ci lasciava precipitare senza tentare nessun salvataggio, anzi approfittando di quanto poteva. Rischio fallimento, poca stabilità, svalutazione, caos sociale e il Fondo monetario internazionale, in mezzo alla gestione, riconosceva la sua incapacità d’azione. Centinaia, migliaia di risparmiatori argentini, italiani, e italo-argentini osservavano con rassegnazione i loro risparmi svanire, o diventare prigionieri in una misura drastica per la nostra economia il “corralito”. Fu così che abbiamo visto gli aeroporti pieni di figli e nipoti di emigranti ritornare in direzione inversa, cioè verso la terra d’origine… ma non in nave, come erano arrivati gli antenati. In aereo, diminuendo così anche le lacrime, alla ricerca di una vita migliore. La Spagna, l’Italia ed il resto d’Europa, sono state le destinazioni scelte per questa nuova generazione d’immigranti. Oggi la bussola è girata di nuovo verso sud. E con stupore si ripete il fenomeno globale, l’avvio di un nuovo processo pseudo-migratorio verso le nostre latitudini. Centinaia di argentini ritornano al paese. E arrivano molti giovani italiani carichi di entusiasmo e speranze. Perché intravedono nei paesi dell’America latina prospettive interessanti di sviluppo nel contesto globale. In questo scenario il circolo “Sardi Uniti” di Buenos Aires, come negli anni ’50, accoglie i suoi nuovi soci, giovani sardi cagliaritani, e dall’interno dell’isola che trovano nel circolo un punto di riferimento e di accoglienza che li fa sentire come nella Sardegna natia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *